Speciale play-off| I centrocampisti – Qui Sant’Agnello, Sasà Sibilli: “Nino Manco sarà determinate”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Sasà Sibilli (foto Pollio) indica in Nino Manco l'arma vincente del Sant'Agnello

Sasà Sibilli (foto Pollio) indica in Nino Manco l’arma vincente del Sant’Agnello

“L’Italia ti dà la giusta carica”.
Sasà Sibilli commenta così l’atmosfera tornata a respirare nell’impianto di via Califano. Impianto nel quale ha contribuito con prestazioni al top alle promozioni del Sorrento.
Prestazioni che hanno fatto tornare il sette del Sant’Agnello sui livelli d’un tempo.
“Credo che in stagione ci fossi riuscito solo a Sant’Antonio a giocare su quei livelli”, ammette l’autore della terza rete contro la Scafatese.
I costieri arrivano all’appuntamento contro il Città di Scordìa come alla prima volta. Si, perché si tornerà a giocare andata e ritorno con regolamento dei gol in trasferta.
“Questa è una cosa che ti spinge a provare a vincerla senza esagerare”, spiega Sibilli, “Perché un gol subito potrebbe cambiare tutto”.
Classe ’76, Sasà Sibilli mette in campo tutta la sua esperienza quando si deve analizzare il modo in cui affrontare la compagine siciliana.sibillis_gra
“Bisogna giocare da squadra con cattiveria, voglia e umiltà”.
Città di Scordìa che giunge alla fase nazionale con tanto rammarico, perché il campionato è andato in fumo solo negli ultimi 180secondi dell’ultima gara di campionato.
“Per avere conteso la vittoria del girone al Siracusa di certo è un squadra compatta” evidenzia la mezzala del Sant’Agnello, “ Si affronta una signora squadra. Forse non composta da nomi altisonanti, ma certo con un gruppo forte”.
Il gruppo, ecco quel fattore determinate in ogni sport di squadra. Il calcio non fa differenza ed i bianco azzurro con tanti arzilli “vecchietti” ha saputo fare quadrato per mettere in risalto le capacità di tutti dai più giovani a quelli con la carta d’identità che riporta agli Anni ’70. Sasà Sibilli, però, è sicuro che nel gruppo Sant’Agnello “Potrebbe essere decisivo Nino Manco. Sarà lui la nostra arma in più”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!