Positano, la finale play – off di Guarracino: “Siamo sereni. Ma occhio alle provocazioni”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

GuarracinoCalma e raziocinio. Antonio Guarracino chiede questo ai suoi ragazzi a poche ore dal fischio d’inizio della finale play – off del girone B di Promozione. La posta in palio nella sfida contro la Juve Pro Poggiomarino è di quelle pesanti ed ogni minimo calo di concentrazione potrebbe essere letale: “Ora è il momento di raccogliere quanto seminato – ricorda il tecnico giallorosso. – Abbiamo fatto un grande campionato, ma steccare oggi equivarrebbe a non aver combinato quasi nulla. Per questo occorrerà una gara ragionata, andare all’assalto all’arma bianca ci danneggerebbe solamente. Il doppio risultato a favore? E’ sicuramente un ottimo vantaggio, ma l’esperienza mi ha insegnato che è meglio vincerla già al novantesimo, perché nei supplementari può accadere di tutto”.

Per buona parte del rooster a disposizione di Guarracino sarà la prima finale in carriera. La componente emozionale, però, non sembra più di tanto impensierire il tecnico carottese: “Tutti i miei ragazzi sono relativamente sereni – chiarisce l’ex allenatore del Sant’Agnello. – Ovviamente la pressione c’è, ma è la stessa che avvertiranno i nostri avversari. Ma sono sicuro che al fischio d’inizio tutto verrà azzerato. D’altronde, una finale è sempre una finale. E chi non capisce l’importanza di partite come questa è meglio cambi immediatamente sport”.

Con la consapevolezza di dover dare il massimo e di giocare tanto anche sul fattore nervoso sbarcherà al “Vittorio De Sica” la Juve Pro Poggiomarino, allenata da un tecnico navigato come Galluccio. I napoletani vantano un collettivo invidiabile, che fa della grinta e dell’astuzia le sue doti migliori: “Loro sono una squadra fisica, di carattere – chiude Guarracino. – Hanno anche un ottimo tasso tecnico, limato per bene durante le due finestre di mercato, dove hanno acquisito le prestazioni di calciatori molto importanti per la categoria. Alcuni di loro hanno peraltro esperienza da vendere e sanno come far alzare i toni della contesa in determinate situazioni. Per questo, noi dovremmo essere bravi anche a non cadere nelle loro provocazioni”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!