Al cuor del Massa non si comanda

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
La festa dei nero azzurri al termine dei 120minuti (foto Lello Acone)

La festa dei nero azzurri al termine dei 120minuti (foto Lello Acone)

A volta può anche bastare il cuore.
Al Massa il muscolo pulsante piazzato alla sinistre del petto non ha fatto mai difetto. Una rosa mista con dei punti fermi che di anno in anno ha sempre affrontato le difficoltà a testa alta. Nella gara secca il Real Pontecagnano Faiano esce dal campo stravolta dalla fatica, ma consapevole che di più in soli 120minuti non era possibile fare. 30 minuti in inferiorità numerica e quel pizzico di fortuna che ci ha messo un alito quando i colpi di testa di Parisi e Lauro, due volte, avrebbero incenerito le gambe del più potente uomo sulla terra.
Il Massa Lubrense no! L’undici di Gargiulo si è stretto attorno a Fiorentino, ha digrignato i denti nei volti stravolti di Vinaccia e La Monica e ha resistito sino all’apoteosi finale.
Ancora una volta sono i play-out a far sorridere il sodalizio di via Arenaccia. Di mezzo, manco a dirlo, c’è sempre un Faiano.
Un Faiano sorpreso dalla partenza sprint del Massa. Sotto meritatamente al termine del primo tempo, gol di Montaperto, ma co la sveglia che suona quando Guerrera chiama Fiorentino alla prima parata del match.
La sveglia dei costieri non suona nell’intervallo e l’ex Lauro fa doppietta in otto minuti sempre su angolo. Dove non arriva il fisico, il cuore può poco e le palle alte sono da horror.
Chi sino a quel momento ha preso botte e ammonizioni: Aiello. Materializza la qualità di rapace attaccante. Lui carottese doc si fionda su una palla persa dalla difesa si lancia i verticale e fredda Mazza. Lui che con Lauro a Massa fallì l’assalto all’Eccellenza sette anni or sono.
I lumi chiesti da Montaperto non sono quelli di un amante appassionato, ma di uno deluso, il mediocre Votta gli fa vedere rosso.
Poi i crampi, le rincorse e quella palla di Breglia che avrebbe chiuso tutto o quasi ad un amen dalla fine, ma il Massa si sa se no si regala dei finali al cardiopalma non riesce a godersi le cose sino in fondo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!