Speciale play-off| Gli allenatori – Qui Vico, Macera:”Ci aspettiamo una Scafatese arrabbiata”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Carico a mille Macera che si affida a "Guadagnuolo e Carfora"

Carico a mille Macera che si affida a “Guadagnuolo e Carfora”

“Ci aspettiamo una Scafatese più arrabbiata”.
Giovanni Macera ha preparato i suoi ragazzi per un match contro un canarino famelico.
“Loro hanno tutto da perdere” spiega il trainer del Real Vico, “Sia per il recupero all’ultima di campionato, sia per gli obiettivi di inizio stagione. Da parte nostra l’aria è diversa. C’è maggiore spensieratezza. Non dobbiamo perderla altrimenti ci faremo del male”.
Un Real Vico che corona una rincorsa nella quale in tanti non hanno creduto. Il rischio è quello di arrivare all’appuntamento clou con la pancia piena.
“Appagati? Assolutamente no” rilancia Macera, “A me non piace partecipare, interessa vincere. Poi se dovessero batterci avranno dimostrato di essere più forti”.
Sarà un Macera in versione ultras. Il motivo? La squalifica comminata dal giudice sportivo.
“Sarò nella tribuna ospiti” se la ride il trainer azzurro oro.
Un allenatore che oltre al suo gioco ha le pedine per far male alla Scafatese.
“Punto tutto su Guadagnuolo e Carfora”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!