Speciale play – off| Le società – Qui Scafatese, Cesarano: “La squadra è carica. Ma abbiamo bisogno dei nostri tifosi”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Vincenzo Cesarano, presidente della Scafatese

Vincenzo Cesarano, presidente della Scafatese

Novanta minuti. Per continuare ad inseguire un sogno o dirgli, almeno per quest’anno, addio. La settimana, nonostante i rovesci degli ultimi giorni, è di quelle calde dalle parti di Scafati e di Vico Equense. La sfida che vedrà opposti gli uomini di Incitti a quelli di Macera domenica prossima allo stadio “Comunale” della città dell’agro – nocerino sarnese è un dentro o fuori da paura. Un duello secco, al termine del quale una sola delle contendenti staccherà il pass per la finale play – off, dove ad attenderla c’è il Sant’Agnello di Mario Turi.

Tutto in novanta minuti, quindi. Dalle 16.30 in poi non ci saranno più spazio per i se e per i ma. Lo sa bene Vincenzo Cesarano. Il presidente della Scafatese, rilevata nella stagione 2010/2011 in Terza Categoria e riportata, oggi, ad un passo dal massimo campionato dilettantistico nazionale, suona la carica in vista del primo match point che attende i suoi canarini. Lo fa attraverso il social network Facebook, facendo trasparire dal suo scritto tutta la passione di quello che, oltre ad essere il massimo dirigente, è forse il tifoso più sfegatato della società gialloblu: “Eccoci, siamo arrivati al traguardo – esordisce Cesarano. – Volevamo i play – off, e li abbiamo centrati. Durante il campionato avevamo pensato anche alla promozione diretta ma i nostri avversari, più determinati, più costanti ed anche maggiormente fortunati hanno fatto, con merito, meglio di noi. Voglio comunque ringraziare  quanti ci hanno fatto sentire il loro calore durante questa stagione ed, ovviamente, tutti coloro che ci hanno sostenuto”.

Dal recente passato, poi, lo sguardo volge subito all’immediato presente: “Adesso comincia un nuovo capitolo – prosegue il presidente della Scafatese – Ci aspettano gare secche, in cui a fare la differenza sono determinazione, grinta e volontà. La squadra è pronta ad affrontarle con il giusto spirito, mi è bastato un incrocio di sguardi nello spogliatoio per capirlo. Sono sicuro che i ragazzi lotteranno fino allo stremo delle loro forze”. Da soli, però, Teta e compagni corrono il rischio (peraltro già materializzatosi nell’ultima gara del girone, con il Real Vico che, violando il “Comunale” dopo cinque anni d’imbattibilità, si è guadagnato proprio l’accesso in semifinale) di non riuscire nell’impresa. Per questo, Cesarano chiama a raccolta i fedelissimi: “Abbiamo bisogno di tutti i nostri tifosi. Il “canarino” necessita dell’apporto dei propri sostenitori e di tutti quelli hanno Scafati nel cuore”. Firmato: Vincenzo Cesarano.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!