Fortitudo Basket, parla coach Golini :”Sono orgoglioso dei ragazzi, ringrazio la società per la passione e il suo impegno”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

vincenzo Golini coach fortitudo Dopo la vittoria sul VBT Casavatore che ha decretato questo record di cinque vittorie su cinque e la testa solitarai del girone, coach Vincenzo Golini ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni per fare il punto della situazione su questa stagione davvero esaltante: “Per quanto riguarda la partita posso dire posso dire che siamo partiti abbastanza abbottonati, ed è normale per una partita che ha visto un distacco massimo non superiore ai sette punti; l’arma vincente, come spesso capita è stata la difesa, la nostra 3-2 e la nostra zona-press che hanno messo in difficoltà l’avversario e ci hanno permesso di vincere. Uno score di cinque su cinque già di per se è un grandissimo risultato frutto dell’impegno dei ragazzi e della grande organizzazione dell’intera società. Aldilà della partita, posso dire che questa vittoria ci avvicina ulteriormente ad un traguardo storico per la Fortitudo che ha da sempre una grande tradizione cestistica a livello giovanile e che, quindi, merita di poter arrivare al concentramento finale e misurarsi con altre grandi squadre. La prossima partita, infatti, e colgo l’occasione per esortare tutti a venire a vedere i ragazzi lunedì prossimo per sostenerli, è fondamentale perché può darci la matematica certezza di essere qualificati, poiché solo la prima classificata del girone si qualifica al concentramento finale, e veder realizzato un sogno per cui tutti quanti abbiamo lavorato; in “primis” tutti  i ragazzi con i loro sacrifici, l’impegno e la costanza negli allenamenti e la società con la presidentessa Stinga che ci segue e non ci ha mai fatto mancare nulla, anzi ci ha messo nelle condizioni per rendere al meglio e concretizzare proprio questo difficile traguardo. Dico difficile perché con questa riforma dei campionati, l’introduzione dei gironi gold, hanno dato maggiore competitività ai campionati stessi alzando il livello tecnico e tattico. Ciò è evidente proprio nei gironi della seconda fase che permettono di incamerare esperienze di gioco contro squadre di altri gironi e quindi di altra estrazione tecnica e tattica. Oltre le questioni di campo,tengo, soprattutto, a sottolineare il mio orgoglio per i miglioramenti tecnici e tattici di tutti i ragazzi, li ringrazio vivamente, anche chi gioca meno poiché non è per demerito loro ma solo per questioni prettamente tattiche e di situazioni di gioco, ma ci tengo a sottolineare in particolare, la loro capacità di creare un gruppo davvero affiatato, cosa difficile soprattutto in un’U19 che si trova alla fine del  percorso del settore giovanile. La sfida maggiore l’abbiamo affrontata all’inizio quando abbiamo cercato di introdurre dei cambiamenti non solo per quanto riguarda il gioco, ma anche dal punto di vista proprio disciplinare, cosa importante per la formazione dei ragazzi di cui anche noi siamo responsabili. Per concludere, vorrei ringraziare apertamente la società che ha sempre lavorato al nostro fianco, la possibilità di andare al concentramento finale è un premio di ringraziamento per tutto il loro impegno e la loro passione per questo sport, elementi fondamentali per raggiungere obbiettivi sportivi ma soprattutto per creare una realtà concreta ed importante. Non so se l’anno prossimo resterò ma sicuramente cercherò di seguire i ragazzi e di portare avanti un progetto che penso sia di grande importanza”.

FRANCESCO VAZZA

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!