Slalom, Venanzio vince sul Nastro d’Oro

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Salvatore Venanzio, sulla sua Radical Sr4, sul percorso del Nastro d'Oro

Salvatore Venanzio, sulla sua Radical Sr4, sul percorso del Nastro d’Oro

Dopo il secondo posto di Cuneo, torna alla vittoria il campione italiano in carica di slalom, Salvatore Venanzio, che interrompe il pessimo rapporto con le strade di casa aggiudicandosi il XVI Trofeo Città di Massa Lubrense, svoltosi nel pomeriggio di ieri sul tecnico e tradizione percorso del “Nastro d’Oro” che si snoda da San Liberatore sino alla frazione di Marciano. Grazie ad una terza manche perfetta, infatti, Venanzio, a bordo della sua Radical SR4 motorizzata Suzuki, chiude con 129,90 punti a +1,72 sul secondo classificato, il potentino Carmelo Coviello, con la leggerissima Victor P12-BMW di soli 1000cm3 del Team Progetto Corsa. Al terzo posto, invece, il pilota di Sant’Agata sui Due Golfi, che con la sua bianca Osella mossa dal potente motore Alfa Romeo di derivazione Superturismo sfrutta l’ottima seconda manche. Fuori dal podio per un soffio, il sempreverde “Sceriffo” Cataldo Esposito con la Radical Sr4 Evo – Suzuki.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!