Il sogno è realtà: l’Atletico Sorrento batte il Gragnano e vola in C2

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

1Adesso sì, la festa può finalmente cominciare. Nel silenzio del “San Ciro” di Castellammare di Stabia e senza il supporto dei propri sostenitori per la decisione della prefettura di Napoli di cambiare prima il luogo dell’incontro e poi di vietarlo al pubblico, l’Atletico Sorrento batte 6-2 il Real Futsal Gragnano e può festeggiare la tanto agognata promozione in serie C2.

Sudata e combattuta dall’inizio alla fine nonostante i pastai non avessero più nulla da chiedere al campionato, la vittoria che vale la promozione porta la firma degli uomini più esperti della compagine guidata da Mario Russo: Michele Cuccaro ed il capitano Gianni Inserra (doppietta per loro), Francesco De Vivo e Bruno Manzo. Al triplice fischio, così, seppur in formato ridotto, è esplosa tutta la gioia di un collettivo che, al primo anno di attività, si è imposto subito quale una delle realtà più floride della serie D di futsal campano e che si è guadagnato, con merito dopo un lungo testa a testa con l’Atletico Macerone, una promozione che permette a tutta la penisola sorrentina di cominciare la scalata al futsal che conta.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!