Campionato Italiano Slalom: A Cuneo Venanzio è secondo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Salvatore Venanzio alla partenza nella foto di Francesco Esposito

Salvatore Venanzio alla partenza nella foto di Francesco Esposito

Emanuele –Venanzio 1-0. E’ questo il risultato finale al termine della prima manche del Campionato Italiano Slalom, che si è svolta in provincia di Cuneo. Alla 6a edizione della Somano-Bossolasco lo scudettato in carica non riesce ad avere la meglio del pilota molisano. Un Emanuele scatenato con la sua fida Osella PA9-90, che si migliora passaggio dopo passaggio e che stacca Venanzio (Radical SR4) di soli due secondi. Un grande rammarico per il driver dell’Autosport Sorrento che, nonostante, i continui miglioramenti non stacca il miglior crono assoluto e deve accontentarsi della seconda piazza assoluta.
Sul gradino più basso del podio termina Federico Liber.
Alle prese con qualche problema di assetto il santagatese Luigi Vinaccia rimanda ancora l’appuntamento con il ritorno al successo. Quarta piazza per l’ex campione Italiano che deve rivedere qualche cosa sulla sua Osella PA9-90.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!