Sorrento-Torrecuso 3-1, le pagelle: Raimondo, Ferraro e Pignatta attivano la versione fenomeno.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

11160380_10206725306680014_1165666888_nLOMBARDO: 6,5 Torna titolare dopo la panchina a Frattamaggiore. Non particolarmente impegnato, ma nei momenti importanti non tradisce mai. Salva in corner su Colarusso, mentre sull’azione del gol è miracoloso sulla conclusione di D. Zerillo da distanza ravvicinata. Nulla può sul tap-in vincente di Iadaresta.

GABBIANO: 6,5 Bene dietro. Chiude dovunque senza commettere errori. Non disdegna proiezioni offensive, ma è poco servito dai compagni.

FERRARA: 6,5 Cresce alla distanza. Sempre lucido e preciso. Una garanzia. Messo ko da una distorsione alla caviglia che dovrebbe però rientrare in tempi brevi.

(dal 49’ CIAMPI: 6,5) Partita di sostanza e senza sbavature. Prova senza esito a bloccare la deviazione vincente di Iadaresta.

NOTO: 6,5 Partita attenta del centrale rossonero. Provvidenziali le sue chiusure su Iadaresta e Galizia per evitare il peggio in avvio.

RAIMONDO: 7,5 Devastante. Prestazione impressionante del terzino classe ’92. Dalle sue parti non si passa, chiude con diagonali e anticipi perfetti. Tanti i cross che partono dai suoi piedi, e le sovrapposizioni con Ferraro e soprattutto Schiavone creano enormi problemi alla retroguardia rossoblù. Nel finale, coast to coast il cui tiro, se a segno, avrebbe fatto venir giù lo stadio.

POLICHETTI: 6 Parte bene. Suo il cross da cui si sviluppa l’azione del vantaggio rossonero. Poi, decide di eccedere in troppe giocate personali vanificando gli inserimenti dei compagni.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

LETTIERI: 6,5 Torna in mezzo al campo rispetto a sette giorni fa. Tanta corsa e recupero di palloni in quantità industriale.

DELLA VENTURA: 6,5 Le critiche evidentemente gli han fatto bene. Ancora un’altra prova positiva per l’ex Vico Equense. Vede il gioco, verticalizza e sfiora anche il gol su calcio piazzato. Suo l’assist per il 2-1 di Pignatta.

FERRARO: 7,5 Settimana da incorniciare per il sorrentino doc. Un gol e trofeo alzato in settimana con la Rappresentativa Nazionale di Serie D Under 18. Oggi il suo primo, storico centro in maglia rossonera. Il Mister lo schiera per la prima volta a sinistra. Fa il suo lavoro senza andare quasi mai in affanno.

(dal 54’ SCHIAVONE: 6,5) Entra con il piglio giusto. Intesa perfetta con Raimondo, perde le misure del tiro a giro che è il pezzo forte del suo repertorio. Con caparbietà va a recuperare la sfera, con la quale s’invola verso il portiere sannita a confezionare il tris.

11173718_10206725307360031_709371043_nPIGNATTA: 7,5 Sarà che l’addio di Majella lo ha maggiormente responsabilizzato, ma è un altro giocatore rispetto a un po’ di tempo fa. Lotta a tutto campo con generosità e sa essere cattivo quando serve. Trova finalmente il suo primo gol con la maglia del Sorrento con una gran girata in diagonale.

BRUNO: 6 Terza partita per lui, seconda da titolare dopo Roccella. Si impegna, combatte, lotta. Un po’ intermittente, probabilmente per mancanza di continuità.

(dal 66’ ELEFANTE 6,5) In settimana è sempre stato tra i più vogliosi in allenamento per dimostrare di meritare spazio in prima squadra. Quando parte in velocità diventa irresistibile.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!