Sant’Agnello in Finale Play-off con uno sguardo alla serie D

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
L'esultanza con i compagni

L’esultanza con i compagni

La vittoria nell’ultima giornata di campionato regala al Sant’Agnello la certezza del secondo posto e di una finale play-off di cui non conosce ancora l’avversario, grazie alla contemporanea vittoria del Real Vico Equense sulla Scafatese che così agguanta i play-off proprio contro i “canarini”. La vittoria della squadra costiera  sul San Tommaso non è di quelle che rimarranno negli annali, anche perché le differenze in campo si sono viste quasi da subito con il Sant’Agnello che ha fatto la partita, con un superiore tasso tecnico, mentre gli irpini cercavano di far male in contropiede forti di un centravanti che poteva contare su una stazza fisica che ha impensierito la retroguardia costiera in alcune circostanze come quella del gol ospite. La gara ha evidenziato alcuni spunti importanti. Il primo è l’inaspettata posizione di Salvatore Sibilli schierato come  centrale di difesa, ruolo che non ha mai rivestito in campo; un azzardo che poteva costare caro poiché lo stesso Sibilli ha rischiato più volte di finire sotto la doccia ben prima della fine della partita. Questa decisione tattica di mister Turi è figlia dei numerosi indisponibili e di una panchina corta che con il San Tommaso ha accolto alcuni giovani del settore giovanile che però non potevano dare un contributo sicuro alla partita. Ecco spiegato l’adattamento di Sibilli senior che, con la sua esperienza, dava maggiori garanzie al proprio allenatore. Altro elemento da sottolineare è quello di una concentrazione che è stata alterna all’interno del match e la disattenzione sul gol del San Tommaso potrebbe essere un campanello di allarme da non sottovalutare in futuro, quando le partite (“alias” i play-off) vedranno avversari di ben altro livello. Tra le note positive vi è un secondo tempo giocato a ritmi superiori rispetto al primo e consueti per la qualità della squadra, infatti, la circolazione di palla e la qualità dei ragazzi in campo hanno portato ai due gol di Giuseppe Sibilli nell’arco di un quarto d’ora. Proprio Sibilli junior è un’altra nota positiva, la sua doppietta è la sintesi perfetta del suo momento di grazia culminato in settimana con il provino con la Ternana che gli avrà dato ulteriori motivazioni per dare il tutto per tutto nello sprint finale con il Sant’Agnello che vuole arrivare fino in fondo e conquistare la serie D. Ora, i costieri aspettano la propria avversaria in finale play-off; avversaria che sarà la vincente del primo turmo di play-off fra Scafatese e Vico Equense. Infatti, proprio quest’ultima,  ha ottenuto un successo inaspettato proprio in casa dei “canarini”e proprio all’ultima giornata scombinando così  le carte in tavola e rendendo la post season un po più interessante.

 

Francesco Vazza.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!