Futsal, l’Atletico Sorrento regola l’Atletico Nocera e mette in frigo lo champagne

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Bruno Manzo, autore di una doppietta nel 4-0 all'Atletico Nocera

Bruno Manzo, autore di una doppietta nel 4-0 all’Atletico Nocera

La Moet & Chandon è in ghiaccio, pronta ad essere stappata già sabato prossimo, quando l’aritmetica potrebbe dare ufficialmente il via alla festa per la promozione in serie C2. Ma il count down è già partito da un pezzo, e segna, nella migliore delle ipotesi, -60 minuti o, nella peggiore, -120 al sogno. L’Atletico Sorrento si prepara così al finale di campionato, che vedrò i biancoazzurri ospitare nel prossimo turno il fanalino di coda Castrum Pigellulae per poi concludere la stagione in trasferta, sul campo del Real Futsal Gragnano. L’ultima fatica, invece, è stata archiviata, come ormai abitudine, quasi in scioltezza. Il 4-0 all’Atletico Nocera avvicina quindi ancora di più gli uomini di Mario Russo alla conquista del campionato: il vantaggio di tre punti sull’Atletico Macerone (vittorioso con lo stesso risultato dei costieri sul Futsal Angri) può permettere, in caso di mancata vittoria della formazione di San Sebastiano al Vesuvio, agli uomini di Mario Russo di festeggiare la C2 già sabato prossimo vincendo o pareggiando con il Castrum Pigellulae.

LA GARA – In avvio l’Atletico Sorrento stenta a decollare. La paura ed il nervosismo prendono il sopravvento nei biancoazzurri e per i primi venticinque minuti di gioco gli attacchi lenti e prevedibili dei padroni di casa fanno il solletico al pipelet ospite. Negli ultimi cinque minuti della prima frazione di gioco, però, si accende la lampadina dei costieri: Egro serve Manzo, il bomber di casa salta il portiere e mette dentro l’1-0. Proprio alla scadere, Manzo trova anche la doppietta personale, ma la seconda realizzazione gli viene annullata per un fallo a palla lontana fischiato ad un suo compagno.

Nella ripresa i costieri partono aggressivi e trovano immediatamente il 2-0 con Marcia che segna con un gran tiro a giro. Pochi giri di lancette più tardi arriva anche il 3-0: a siglarlo è ancora Manzo che finalizza un bel contropiede con un gran diagonale, per la gioia della madre, presente all’esterno del terreno di gioco per la prima volta in stagione. Il poker, invece, porta la firma di Maresca, sempre in contropiede, grazie all’assist del capitano Inserra, che si replica dopo il servizio decisivo a Marcia. Nel finale c’è la reazione d’orgoglio dell’Atletico Nocera, ma è attento Marcia che, con un ottimo intervento in scivolata, riesce ad evitare il gol della bandiera ai nocerini.

ATLETICO SORRENTO – ATLETICO NOCERA 4-0

Marcatori: Manzo, Marcia, Manzo, Maresca

Atletico Sorrento: Gargiulo S, De Vivo, Cuccaro, Marcia, Inserra, Imperato, Apreda, Gargiulo C, Vacca, Egro, Manzo, Maresca. All: Russo.

Atletico Nocera: Lanzara, Oliva, Villani, Imperato, Ventura, Checchero, Prinzo, Catapano. All: Della Porta.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!