2°Trofeo del Levante, Vinaccia s’impone nella categoria prototipo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Luigi Vinaccia

Luigi Vinaccia

Trionfo di pubblico per la prima gara del 2^ trofeo del levante che ha proclamato vincitore, nella categoria prototipo, in una gara ricca di emozioni il detentore della pole Luigi Vinaccia originario di Sant’Agata. Alle sue spalle la Radical di “The Shark” e dopo una rimonta entusiasmante anche Francesco Celentano.
La manifestazione organizzata dalle scuderie Assominicar e EptaMotorsport presso l’autodromo del Levante di Binetto, domenica 12 aprile, è stata caratterizzata dal gran numero di autovetture in gara, ben 80, che hanno messo a ferro e fuoco il circuito per ottenere l’ambito premio.
Lo spettacolo offerto nella gara ha superato di gran lunga le aspettative e la tensione si sentiva anche prima dell’inizio.
Con una grande partenza,  Francesco Celentano riesce a fiondarsi in prima posizione, mettendosi alle spalle “The Shark” e Vinaccia i quali non   non riescono a superarlo fino all’8 giro quando, per un errore, Celentano va in testacoda e perde ben 3 posizioni.
A trarne vantaggio è Vinaccia che riuscirà a mantenere il comando fino alla fine dopo un testa a testa con “The Shark”. Celentano invece, con una bella rimonta otterrà almeno un posto sul podio, recuperando diverse posizioni.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!