Karate, sei medaglie per Nami e Tzunami ai campionati italiani di Roseto

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Alfredo Amitrano sul gradino più alto del podio

Alfredo Amitrano sul gradino più alto del podio

L’ottavo campionato italiano, in programma a Roseto degli Abruzzi (TE) nel week-and dell’11 e 12 Aprile, era l’ultimo impegno valevole per la classifica azzurribili e al quale hanno partecipato la Nami Karate Dojo e la Tzunami, palestra della costiera amalfitana gemellata con quella sorrentina.

La competizione era aperta alle sole cinture nere e marroni e la Nami ha come sempre ben figurato, mostrando, senza ombra di dubbio, i progressi che tutti i suoi atleti sono riusciti a mostrare sul tatami lungo tutta la stagione, anche se privi di un  bagaglio di esperienza importante, dovuto prevalentemente alla giovane età; progressi che fanno guardare agli impegni futuri con maggior fiducia e con la consapevolezza di avere le potenzialità di combattere con i migliori atleti del panorama nazionale, oltre al fatto che, come sottolineato dal Maestro Gennaro Amitrano, l’obiettivo, per il prossimo anno, della Nami continua ad essere quello di riuscire a portare almeno un altro atleta tra le fila della nazionale azzurra.

Nonostante ciò, la palestra della penisola sorrentina sale sul podio grazie ai due ori che sono stati conquistati dal solito  Alfredo Amitrano nella categoria -65 Kg Senior, che lottava solamente per confermare il suo stato di forma pronto per la prossima avventura a Lisbona per i campionati europei  con la nazionale italiana. L’altro oro è stato conquistato dal maestro della palestra Gennaro Amitrano  nella categoria -80 Kg Senior.Da segnalare la conquista del primo gradino del podio anche del maestro della Tzunami Alfonso Anastasio nella categoria -80 Kg Senior; successo che, per quest’ultimo, vale il pass per i campionati europei in Portogallo.Bronzo invece per Cataldo Simioli per la categoria -75 Kg che conferma i progressi tecnici e fisici del giovane atleta della Nami; bronzo anche per Giuseppe Belmonte della Tzunami nella categoria Cadetti B -70 Kg.

Aldilà dei podi e delle medaglie conquistate va sottolineato il buonissimo afflusso di atleti che hanno alzato il livello della competizione offrendo anche uno spettacolo a dir poco interessante, indice di un movimento che si sta espandendo e di una disciplina che sta catturando l’interesse di sempre più ragazzi e ragazze che possono solamente aiutare il karate a diventare sempre più presente nella cultura sportiva italiana.

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!