Sant’Agnello, l’ultima speranza è un replay dell’andata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
A causa di un gol di Marcello Ferrara (in foto) il Gragnano subì la prima sconfitta della stagione contro il Massa Lubrense

A causa di un gol di Marcello Ferrara (in foto) il Gragnano subì la prima sconfitta della stagione contro il Massa Lubrense

E’ l’aritmetica, ma non solo, a tenere viva in casa Sant’Agnello la flebile speranza di centrare la promozione in serie D senza passare dai play – off. Con solamente due turni in programma al termine della regular season ed un gap di cinque punti dalla capolista Gragnano, solo un miracolo sportivo potrebbe togliere, proprio al fotofinish, lo scettro dalle mani dei pastai e permettere ai biancoazzurri di festeggiare la prima volta nel massimo campionato dilettantistico nazionale. Miracolo sportivo che, tradotto in soldoni, prevede sul copione due mancate vittorie dei gialloblu nei match contro Real Vico e Massa Lubrense e, soprattutto, due successi dei santanellesi nei match contro Faiano e San Tommaso. Ipotesi quasi fantascientifica, vista la marcia inarrestabile di capitan Martone e compagni che, dopo lo scontro diretto perso al “Cerulli” di Massa Lubrense, hanno inanellato sette vittorie consecutive, mentre il Sant’Agnello perdeva punti sui campi di Scafatese, Mariglianese e Palmese.

Ipotesi fantascientifica, si diceva. Ma, come un ossimoro, con radici salde nella realtà dei fatti. Da ricercare scavando poco indietro nel tempo, appena al girone di andata. Proprio tra la quindicesima e la sedicesima giornata, infatti, il Sant’Agnello, vincendo col Faiano (4-0) e col San Tommaso (0-1) riuscì a recuperare al Gragnano ben cinque punti in classifica, approfittando del periodo più nero dei pastai. I gialloblu, infatti, furono fermati, al “Menti” di Castellammare di Stabia, dal Real Vico sul risultato di 0-0. Una settimana più tardi, invece, arrivò la prima sconfitta della stagione al “Marcellino Cerulli”. A firmarla, fu un bolide da calcio piazzato di Ferrara che, complice le parate di Stinga, permise al Massa di chiudere il girone di andata facendo il colpaccio. Totale: sei punti per il Sant’Agnello, uno per il Gragnano. Score che, qualora vi fosse un replay nelle prossime due settimane, vedrebbe la classifica finale premiare la squadra di Mario Turi con la promozione in D. Sperare, per i biancoazzurri, non costa nulla. I gialloblu, invece, sono autorizzati a fare tutti gli scongiuri del caso.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!