Sorrento – Neapolis 0-1, per i rossoneri è un giovedì di passione

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Lombardo non riesce ad evitare il gol vittoria di Solitro.

Lombardo non riesce ad evitare il gol vittoria di Solitro.

E’ un giovedì di passione in casa Sorrento, sia in campo che fuori. Sul rettangolo di gioco arriva la terza sconfitta consecutiva tra le mura amiche, la quinta nelle ultime sei partite. Al di fuori, c’è un terremoto anche nello staff tecnico: dopo appena due partite, Renato Cioffi, subentrato a Roberto Chiancone, rassegna le sue dimissioni da tecnico dei rossoneri. Dal suo canto, invece, il Neapolis si gode le festività pasquali in zona play – off: con la concomitante sconfitta della Nerostellati Frattese, infatti, gli uomini di Mandragora agganciano il quinto posto e puntano il Torrecuso in crisi societaria.

La gara non riserva emozioni da capogiro, soprattutto nei primi quarantacinque minuti. A partire leggermente meglio sono i padroni di casa, che dopo neanche sessanta secondi mettono Liccardo C. nelle condizioni di sfiorare l’autorete, ma i ben noti limiti tecnici e caratteriali dei rossoneri non fanno fatica a palesarsi: capitan Majella e compagni, infatti, assicurano la giusta dose d’impegno senza però brillare nella costruzione di gioco e, di conseguenza, non creando mai  seri grattacapi alla difesa ospite. Proprio l’attaccante ex Gladiator appare tra le vittime sacrificali: lasciato solo alla mercè dei centrali napoletani, la punta rossonera è alle prese con una solitudine cronica e, quando è servito a dovere, come al 12’, trova Nocerino a mettersi tra lui e la porta. Neanche dagli esterni arriva il giusto supporto: Polichetti lotta ma senza frutti, Pasini latita e per di più spreca un occasione d’oro al quarto d’ora, quando, su un assist di Ferraro, manda alle stelle da ottima posizione. Il Neapolis, invece, appare Improta dipendente: l’ex di turno è carico a pallettoni ed ha forse qualche sassolino dalla scarpa da togliersi. L’intesa con il compagno di reparto Prisco è, però, da rivedere. La verve della punta non basta a rivitalizzare una squadra che appare sorniona e poco convinta nei propri mezzi per tutta la prima frazione. A parte uno squillo di Moxedano da calcio piazzato (40’), infatti, gli ospiti si accontentano di contenere la flebile spinta dei padroni di casa, gestendo solamente il possesso palla senza mai affondare il colpo. Nella ripresa la musica cambia: il Sorrento cala clamorosamente il ritmo, scomparendo praticamente dal campo. I rossoneri sembrano fantasmi ed una volta venuta a mancare la freschezza atletica anche il bunker difensivo, unico reparto sufficiente nei primi quarantacinque minuti di gioco, comincia a cedere: prima Prisco al 53’ colpisce l’esterno della rete da ottima posizione poi, al 59’, è la volta di Moxedano mettere in mostra le sue qualità, tranne quella del tiro: il numero dieci napoletano va via bene sulla destra a due avversari, punta la porta ma conclude ampiamente a lato. Col passare dei minuti il forcing ospite diventa asfissiante e la spinta sugli esterni costante e pericolosa. Il Sorrento si arrocca e, nonostante l’ingresso di Pignatta, continua a latitare in zona offensiva. Al 77’ gli uomini di Cioffi rischiano di capitolare: sugli sviluppi di un angolo, Prisco salta sul secondo palo, la palla balla sulla linea ed arriva a Bisogno, il più basso del lotto, che ancora di testa colpisce la traversa da due passi. Il gol è nell’aria ed arriva all’81’: Prisco giunge indisturbato quasi ai venti metri, servizio perfetto per Solitro che approfitta di una dormita generale della difesa rossonera e di sinistro trafigge Lombardo. E’ il colpo del k.o. per un Sorrento già privo di certezze e convinzioni. I minuti finali sono quindi una passeggiata per il Neapolis che controlla il risultato senza patemi e porta a casa tre punti fondamentali per il prosieguo della stagione.

SORRENTO – NEAPOLIS 0-1

Marcatore: 36’ s.t. Solitro (N)

Sorrento (4-1-4-1): Lombardo; Caldore, Ferrara, Noto, Avagliano; D’Ambrosio (dal 18’ s.t. Gabbiano); Pasini (dall’11’ s.t. Schiavone), Ferraro, Lalli (dal 7’ s.t. Pignatta), Polichetti; Majella. A disp: Di Costanzo, Raimondo, Viscido, Lettieri, Di Somma, Esposito. All: Cioffi.

Neapolis (4-2-2): Liccardo D; Bisogno, Nocerino, Iovinella, Della Guardia; Moxedano, Sekkoum, Liccardo C. D’Auria (dal 7’ s.t. Solitro); Improta, Prisco (dal 45’ s.t. Amato), Moxedano (dal 40’ s.t. Noviello). A disp: Costagliola, De Biase, Murolo, Amato, Landi, Pasini V. Manzo.All: Mandragora.

Arbitro: Luigi Santorelli di Salerno (De Prisco/Greco)

Note: ammoniti: Liccardo C. (N), Polichetti (S); calci d’angolo: 6-8 recuperi: 1’ primo tempo, 4’ secondo tempo; presenti circa 300 spettatori.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!