Giovanissimi, il derby va al Sant’Agnello: Meta battuto 2-1

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
La rosa dei Giovanissimi del Meta

La rosa dei Giovanissimi del Meta

Continua il momento no tra le mura amiche per i Giovanissimi del Meta. Il tanto atteso derby costiero, penultimo appuntamento casalingo della regular season, termina con la vittoria del Sant’Agnello allenato da Francesco Nardo. Troppo volubili i metesi, contratti mentalmente per buona parte della gara, al contrario dei santanellesi, carichi a pallettoni e capaci di giocare un calcio semplice ma efficace.

LA GARA – Dopo la consueta fase di studio, è il Meta a rendersi per primo pericoloso: sugli sviluppi di un corner, infatti, è clamorosa l’occasione sciupata da Scarpato che dall’interno dell’area piccola incorna clamorosamente alto. Al 14’ l’azione che cambia l’inerzia del match: su un taglio improvviso dalla destra, Cafiero si ritrova a tu per tu con Malafronte ma, al momento di calciare, cade in area di rigore: il tocco tra l’estremo difensore e l’attaccante è impercettibile ma il direttore di gara, dopo un attimo di esitazione, comanda il calcio di rigore. Sul dischetto va lo stesso Cafiero, Malafronte intuisce ma non riesce a respingere: è 1-0. Neanche il tempo di battere ed il Sant’Agnello ristabilisce subito la parità: Gargiulo approfitta di una dormita della difesa metese e anticipa Coticelli per l’1-1. Scosso dal pari, il Meta si affida alla sapiente regia di Coppola per tornare in carreggiata, ma al 20’ la punizione dalla distanza dello stesso centrocampista centrale biancoazzurro termina di un soffio a lato. Due minuti dopo è il Sant’Agnello ad affacciarsi davanti, ma Lauro di testa non inquadra la porta. Il gol è nell’area ed arriva quando scocca la mezz’ora: Vanacore E. commette un fallo ingenuo al limite dell’area. Il Sant’Agnello prova lo schema ed i risultati sono fruttuosi: Staiano, infatti, si ritrova a calciare un rigore in movimento e non sbaglia.

La ripresa stenta a decollare. La prima occasione è di marca metese, ma il tiro di Manfredi al 9’ è senza pretese. Quello che non succede nelle battute iniziali si concentra tutto a cavallo del quarto d’ora. Prima gli ospiti si rendono pericolosissimi due volte: prima con Zaccaro che, caparbio, anticipa l’uscita di Coticelli sugli sviluppi di una punizione calciata lunga, ma Scarpato salva sulla linea. Poi, sul corner seguente, è Esposito C. a fare il miracolo, murando con una mossa da taekwondo il colpo di testa a botta sicura di Lauro. Sul capovolgimento di fronte il Meta risponde per le rime: bolide di Coppola dal limite dell’area, Malafronte respinge, Russo D. alimenta l’azione e serve Cafiero, destro secco all’angolino sul quale è provvidenziale l’intervento di Maresca che salva un gol già fatto. Nelle battute finali il Meta prova il forcing: al 31’ è Cafiero a provarci, ma il suo destro e debole e fa il solletico a Malafronte. Al 34’, invece, è Coppola a provarci ancora da calcio piazzato, ma l’estremo difensore ospite è super e si salva in corner con l’ausilio della traversa. In pieno recupero, infine, le speranze del Meta si infrangono ancora sui guantoni di Malafronte, che vola a deviare la botta dalla distanza di Esposito C.

META – SANT’AGNELLO 1-2

Marcatori: 14’ rig. Cafiero (M), 15’ Gargiulo (S), 30’ p.t. Staiano (S)

Meta (4-3-3): Coticelli; Vanacore E. (dal 7’ s.t. Esposito C.), Scarpato, Manfredi (dal 28’ s.t. Cuomo), Balsamo; Russo D. Coppola, Vanacore C; Cafiero, Perrusio, La Penna. A disp: Izzo, Romano, Astarita, Spira. All: Russo G. (squalificato, in panchina De Gregorio)

Sant’Agnello (4-3-3): Malafronte; De Gregorio, Maresca, D’Esposito, Scialla; Gargiulo, Lauro, Romano; Russo An. (dal 12’ s.t. Esposito L.) Staiano (dal 37’ s.t. Maresca), Zaccaro (dal 32’ s.t. Colonna). A disp: Russo Al. Russo F. All: Nardo (squalificato, in panchina Miniero).

Arbitro: Roberto Ferrara di Castellammare di Stabia.

Note: ammoniti: Gargiulo (S), Russo D. (M), Staiano (S); calci d’angolo: 11 – 2; recuperi: 0’ primo tempo, 4’ secondo tempo; presenti circa 50 spettatori.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!