Sorrento, Cioffi:”Neapolis? Brutta gatta da pelare”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Torna sulla panchina rossonera Renato Cioffi, già allenatore dei costieri nel biennio 2005 - 2007 (foto Pollio)

Torna sulla panchina rossonera Renato Cioffi, già allenatore dei costieri nel biennio 2005 – 2007 (foto Pollio)

Dopo aver interrotto una striscia negativa costruita su sconfitte, il Sorrento ricava un punto dalla trasferta di Roccella Ionica.
Quattro ko uno più pesante dell’altro che hanno spinto i costieri nel baratro. Trovare lo sprint e i punti per ambire ad un miglior piazzamento possibile è il minimo per la truppa di Cioffi.
“Adesso ci tocca una brutta gatta da pelare”, dichiara il tecnico al termine della sfida calabrese, “Arriva una Neapolis rinfrancata dal successo che vorrà cercare di piazzarsi nei play-off”.
Obiettivo comune: spareggi, ma la compagine di Moxedano punta a quelli per il professionismo, i costieri a quelli per la permanenza in D.
“Abbiamo anche poco tempo per prepararla al meglio, ma va bene così” spiega Cioffi, che forse avrebbe voluto un avversario più soft. Soft che nel finale di campionato non sarà per nessuna delle compagini impegnate contro i rossoneri.
“E’ vero, ma i prossimi avversari hanno ripreso a correre nel momento peggiore per noi”, analizza il trainer, “Non ci fasciamo la testa, perché è ancora tutta da giocare”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!