Vergogna a Pontecagnano, Real Vico aggredito e danni al bus. Guidone: “Intervenga la federazione”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il terreno di gioco dello stadio "XXII giugno" di Pontecagnano Faiano

Il terreno di gioco dello stadio “XXII giugno 1978″ di Pontecagnano Faiano

Post gara carico di tensione quello trascorso dal Real Vico dopo il successo per 3-2 sul campo del Real Pontecagnano Faiano. I tesserati vicani, infatti, sono state vittime di una vile aggressione perpetrata da alcuni sedicenti sostenitori della formazione granata. Un blitz violento che non ha risparmiato nemmeno l’autista del bus sociale e lo stesso mezzo di trasporto, cui sono state bucate tutte le ruote. Circostanza, questa, che ha costretto gli uomini di Macera ad abbandonare lo stadio “XXII giugno 1978” di Pontecagnano Faiano solamente alle 21.30. Sull’accaduto, come riporta l’edizione odierna del quotidiano Metropolis, è così intervenuto il direttore sportivo del Real Vico, Aniello Guidone: “Chiediamo giustizia – tuona il dirigente vicano. – Le abbiamo dovute chiamare noi le forze dell’ordine, altrimenti non so cosa sarebbe potuto accadere. Siamo stati aggrediti e picchiati, questo è successo. Qualcuno evidentemente credeva che saremmo venuti in gita, a regalare punti. Ma noi siamo una società seria, non dovevano permettersi di minacciare i nostri ragazzi, alcuni dei quali sono davvero giovani e chiaramente turbati da quanto avvenuto. Chiederemo che ci vengano rimborsati i danni  altrimenti non esiteremo a ritirare la squadra dal campionato, a cominciare dalla partita contro il Gragnano, subito dopo la sosta. A questo punto vogliano che venga fatta giustizia. E il Comitato Campano deve farsi carico di tutto ciò”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!