Il Sorrento non sfrutta la doppia inferiorità del Roccella: la prima di Cioffi finisce a reti bianche

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
L'undici schierato da mister Cioffi nella gara contro il Roccella.

L’undici schierato da mister Cioffi nella gara contro il Roccella.

Discreta partita quella disputata nella Domenica delle Palme al “N. Muscolo” fra il Roccella ed il Sorrento, conclusasi sul nulla di fatto (0 a 0). Una gara che per ovvi motivi entrambe le formazioni volevano vincere, il Roccella con i tre punti avrebbe mantenuto inalterato il distacco sul sestultimo posto, così non è stato, infatti il Noto ha ottenuto una insperata vittoria a Torrecuso, ora le lunghezze di vantaggio sono divenute quattro, anche se per la verità Coluccio e compagni risultano con una gara in meno, quella non disputata con la Leonfortese verrà recuperata mercoledì 8 aprile. Mentre gli ospiti per cercare di dare una sterzata alla stagione, i rossoneri venivano da quattro sconfitte di fila, ed una affermazione piena avrebbe potuto alimentare le speranze di ottenere quanto meno un posto di privilegio (sestultimo o quintultimo) nella griglia play out. Peraltro nei giorni precedenti il confronto era cambiata la guida societaria, Genovese era subentrato a D’Angelo, ma anche quella tecnica, mister Cioffi aveva preso il posto dell’esonerato Chiancone, due eventi che avevano anche galvanizzato la tifoseria che si è stretta intorno alla squadra. Gara che in particolare i campani hanno cercato di vincere negli ultimi venti-venticinque minuti quando i padroni di casa sono rimasti in nove, in due minuti espulsi Pastore e Carbone, e quindi hanno assaporato la possibilità di fare il colpaccio, ovviamente non riuscendoci.

Poche le azioni degne di nota. Il primo tiro verso la porta si registra al minuto sedici della prima frazione, quando Carbone in velocità supera un paio di avversari, arrivato al limite dell’area viene fermato, il pallone toccato da un avversario torna verso il centrocampo, sullo stesso si avventa Franco che dai trenta metri batte a rete, pallone che sfiora il palo. Quattro minuti dopo punizione dai ventotto metri di Khoris, il portiere Di Costanzo manda in angolo. Ancora il Roccella pericoloso con Criniti, da destra di esterno sinistro mette al centro, nessuno ha seguito l’azione, blocca il guardiano ospite. Poi infortunio a Laaribi, che viene trasportato in ambulanza all’Ospedale di Locri, per il motorino del centrocampo tanto spavento, si temeva il peggio, le notizie sono confortanti.

Nel secondo tempo al dodicesimo Roccella vicinissimo a sbloccare il risultato. Carbone serve in area Maiese, che controlla e batte a colpo sicuro, portiere battuto, sulla traiettoria Ferrara che a pochi centimetri dalla linea di porta respinge. Sulla ripartenza Sorrento pericoloso con Maiella, bravo Belcastro a mandare in angolo, il primo per la squadra ospite. Qualche minuto dopo su un angolo battuto da Criniti sul primo palo Pizzoleo prolunga di testa su quello opposto, pallone leggermente alto per l’accorrente Coluccio. Poi il Roccella nello spazio di centoventi secondi come detto rimane in nove, ed a questo punto mister Cioffi inserisce il bomber Pignatta, l’obiettivo come detto ovviamente era quello di tentare il colpaccio. La differenza numerica fra i due schieramenti per la verità non si nota, anzi è il Roccella che si rende pericoloso prima con Criniti, la conclusione dal limite sfiora il palo alla destra del portiere Di Costanzo, e poi col neo entrato Dorato che ostacolato da un avversario non riesce a volo a correggere a rete un verticalizzazione dello stesso Criniti. Per gli ospiti tenta due volte Maiella, quando dopo aver agganciato un difficile pallone spara alle stelle, mentre successivamente dopo un rinvio errato di Pizzoleo invece di battere a volo, stoppa le sfera, cincischia in piena area, ed un giocatore amaranto rinvia. Alla fine quindi è pareggio.

ROCCELLA – SORRENTO 0-0

ROCCELLA (3-5-2): Belcastro; Pastore, Coluccio, Pizzoleo; Odwige, Laaribi (dal 40’ p.t. Calabrese), Franco, Criniti, Maiese; Carbone, Khoris (dal 29’ s.t. Dorato). A disp: Lombardo, Sorgiovanni, Cassaro, Schiavello, Khanfri, Arcuri, Mittica E. All: Galati.

SORRENTO (4-4-2): Di Costanzo; Caldore, Ferrara, Noto, Raimondo; Schiavone, Lettieri (dal 31’ s.t. Pignatta), Ferraro (dal 1’ s.t. D’Ambrosio), Polichetti; Elefante (dal 18’ p.t. Gabbiano) Majella. A disp: Lombardo R, Lalli, Bruno, Veniero, Avagliano, Esposito. All: Cioffi.

Arbitro: Cataldo di Bergamo (Conti/Barbagallo)

Note: ammoniti: Ferraro (S), Noto (S), Khoris (R), Lettieri (S), Carbone (R), Raimondo (S); espulsi: al 25’ s.t. Pastore (R), per rosso diretto, e al 27’ s.t. Carbone (R); calci d’angolo: 4-2; recuperi: 3’ primo tempo, 2’ secondo tempo; presenti circa 700 spettatori, una quindicina quelli ospiti in tribuna sud; tempo soleggiato, gara condizionata comunque da un fastidioso vento di ponente.

Fonte: Ufficio stampa Roccella

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!