E’ sempre il solito Massa formato trasferta: la Vis Ariano vince e inguaia di nuovo i nerazzurri

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Non basta il gol nel finale di Giuseppe Breglia.

Non basta il gol nel finale di Giuseppe Breglia.

Doveva essere l’occasione per svoltare una volta per tutte, ed invece il Massa Lubrense fallisce l’ennesimo esame esterno. La truppa nerazzurra, infatti, esce sconfitta anche dallo scontro salvezza sul campo della Vis Ariano, incappando nella sesta disfatta consecutiva in trasferta, e si fa risucchiare nuovamente nelle sabbie mobili dei play – out. Il k.o. con gli avellinesi, peraltro, assottiglia a sei punti il margine che separa in classifica le due compagini (attualmente i costieri sono quint’ultimi e gli irpini penultimi), riducendo, così, anche le chanches di evitare la disputa degli spareggi per restare in Eccellenza (come per il discorso play – off, infatti, dieci o più punti di distanza tra tredicesima e sedicesima premiano la compagine meglio piazzata con la salvezza diretta).

LA GARA – I padroni di casa partono subito forte: dopo appena cinque minuti, infatti, Parisi fa tremare la traversa di Fiorentino con una conclusione col mancino. Il Massa, però, non si scompone ed a cavallo tra l’11’ ed il 13’ si affaccia dalle parti di Pietrolà senza, però, il giusto pizzico di fortuna. La risposta della Vis Ariano non si fa attendere: ci prova prima Parisi che al 23’ sciupa da pochi passi concludendo alle stelle, poi Bernardo, al 36’, non trova la porta per questione di millimetri. Il gol è nell’aria ed arriva sul finire di frazione: Spaccamiglio si procura un penalty che Santosuosso, con un esecuzione perfetta, realizza.

Ad inizio ripresa Montaperto prova subito a ristabilire la parità, ma Pietrolà cala la saracinesca. Sul ribaltamento di fronte gli avellinesi trovano il raddoppio: incursione centrale di Bernardo che vede e serve Santosuosso, il centrocampista locale aggancia e con un diagonale chirurgico non dà scampo a Fiorentino. La partita si riapre al 25’, quando la Vis Ariano resta in dieci per il secondo giallo sventolato all’indirizzo di Memoli. Il Massa approfitta della superiorità numerica accorciando le distanze con Breglia, ma nel finale il forcing non dà gli effetti sperati: la Vis Ariano vince e si rimette in carreggiata per i play – out, mentre il Massa torna a vivere l’incubo retrocessione.

VIS ARIANO – MASSA LUBRENSE 2-1

Marcatori: 44’p.t. rig Santosuosso (V); 17’ s.t. Santosuosso (V), 34’ s.t. Breglia (M)

Vis Ariano: Pietrolà, Di Gruttola, Speranza, Spaccamiglio, Bravoco (dal 33’ p.t. Grasso), Curcio, Errico (dal 45’s.t. Jonathan), Memoli, Bernardo (dal 44’s.t. Tretola), Santosuosso, Parisi. All: Del Vecchio.

Massa Lubrense: Fiorentino, Siniscalchi (dal 15’s.t. Amita, dal 31’s.t. Cuomo), Castellano A. La Monica, D’Esposito, Ferrara, Castellano R. Vinaccia, Montaperto, Cacace (dal 11’s.t. Breglia), Aiello. All: Gargiulo.
Arbitro: Russo di Torre Annunziata
Note: ammoniti: Errico (V) Santosuosso (V), Parisi (V), Aiello (M), Breglia (M); espulso: al 25’ s.t. Memoli (V) per doppia ammonizione.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!