Sant’Agnello, il sogno primo posto sbatte sul muro Palmese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

1Game over. Fine della corsa. Per la terza trasferta consecutiva, il Sant’Agnello manca l’appuntamento con i tre punti e vede compromettersi irrimediabilmente la già ardua corsa alla promozione diretta in serie D. Mentre i biancoazzurri di Turi non vanno oltre il pari ad occhiali al “Comunale” di Palma Campania, il Gragnano doma nella seconda frazione di gioco il fanalino di coda Eclanese e porta a casa la sesta vittoria consecutiva dopo la sconfitta nello scontro diretto del “Cerulli”. Da quel 7 febbraio, i gialloblu hanno guadagnato ben sei punti sui costieri che, a tre giornate dal termine della regular season, valgono un rassicurante +5 in classifica e, soprattutto, la possibilità, in caso di mancata vittoria degli uomini di Turi nella prossima sfida contro il Valdiano, di festeggiare la promozione in D già tra una settimana.

LA GARA – Il cambio al timone operato dalla Palmese, con Soviero che si riappropria della panchina già occupata ad inizio stagione e passata successivamente a Pietropinto, giova ai rossoneri, che, alla ricerca di punti preziosi in chiave salvezza, giocano una gara accorta e tatticamente perfetta, imbrigliando sin dal primo minuto le trame di gioco del Sant’Agnello. Privi degli spazi vitali, i costieri sbattono sul muro eretto a difesa di Sorrentino senza creare seri grattacapi al portiere napoletano. Nella ripresa, il copione non cambia. I costieri provano a fare la partita, ma di occasioni vere manco a parlarne. Anzi, è la Palmese ad andare pericolosamente vicina alla vittoria, ma Napolitano salva per due volte su Malafronte, permettendo ai suoi di portare a casa un misero punticino che, in termini di classifica, suona quasi come l’addio al primo posto.

PALMESE – SANT’AGNELLO 0-0

Palmese: Sorrentino, Moccia, Sepe, Corrado, Addeo, Caccavale, Novello, Marano (dal 35’s.t. Logoluso), Malafronte (dal 30’s.t. Nappi), Viviano, Viscusi (dal 45’s.t. Rainone). All: Soviero.

Sant’Agnello: Napolitano, De Stefano, Piacente, Serrapica (dal 25’s.t. Pignalosa), Micallo, Di Donna (dal 30’ s.t. D’Auria), Sibilli S. De Rosa, Sibilli G. Russo, Di Leva (dal 40’s.t. Inserra). All: Turi.

Arbitro: Vergara di Bari.

Note: ammoniti Sepe (P), Corrado (P), Novello (P), Viviano (P).

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!