Giovanissimi Meta, il k.o. con il Cesare Ventura vale l’addio ai play – off

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
La rosa dei Giovanissimi del Meta

La rosa dei Giovanissimi del Meta

Vittoria importante per il Cesare Ventura, che nel big match di giornata supera con un secco 0-3 i ragazzi di mister Russo, escludendoli, di fatto, dalla lotta al vertice e ponendo una decisiva ipoteca per il raggiungimento dei play off, considerata anche per la contemporanea sconfitta del Casapulla a San Vitaliano, contro la Stella Vesuviana, distaccata ormai di nove punti insieme ai metesi.

LA GARA – Nel primo tempo c’è un netto predominio dei padroni di casa, che per due volte sfiorano la segnatura con Cafiero: prima al 16’, con un tiro da buona posizione che termina alto sulla traversa e cinque minuti dopo con La Penna che, servito dallo stesso Cafiero, viene a trovarsi solo davanti al portiere ma ritarda nel tirare, permettendo al difensore avversario di murargli il tiro. Per gli ospiti, invece, non si segnalano incursioni degne di note per tutto l’arco dei primi trentacinque minuti.

Il secondo tempo inizia subito con la prima segnatura del Cesare Ventura: dopo appena cinque minuti, infatti, l’attaccante Cellesi, a seguito  di un’errata uscita di Coticelli, si ritrova la palla tra i piedi e dopo aver sbilanciato, il difensore metese Balsamo che stava rinviando, lo costringe ad un rinvio svirgolato, approfittandone, poi, con un tocco di stinco che spinge il pallone oltre la riga bianca. Vane le proteste dei locali: il pessimo arbitro Di Maio, infatti, concede il vantaggio ai sanniti. La seconda segnatura è stata ancora determinata da un grossolano errore dell’arbitro, che assegna una rimessa laterale agli ospiti quando la sfera controllata da Amato era almeno di cinquanta centimetri in campo. I metesi, colti di sorpresa, si fermano per protestare, mentre gli ospiti, astutatamente, battono subito la rimessa con il centrocampista Vosa che, con un perfetto lancio, mette Capozzi nelle condizioni di realizzare una facile rete solo davanti a Coticelli. Sotto di due gol, i ragazzi di mister Russo, sebbene con volontà,  non riescono a reagire e solo nel primo minuto di recupero sfiorano la marcatura con Davide Amato che con un forte tiro dal limite colpisce il palo alla destra del portiere ospite. Sulla veloce ripartenza seguente, però, il Cesare Ventura è letale e con Fucci sigla la terza e definitiva marcatura.

U.S. META – CESARE VENTURA (BN)  0 – 3

Marcatori: 5’ Cellesi, 23’ Capozzi, 37’ s.t. Fucci

META: Coticelli, Vanacore E. Balsamo, Amato, Scarpato, Coppola, La Penna, Vanacore C. Perrusio, Russo, Cafiero. A disp: Spira, Romano, Esposito C. Astarita, Cuomo, Manfredi. All: Russo.

CESARE VENTURA: Russo C. Borrillo, Ruggiero, Tozzi, Nespoli, Lepore M. Fucci, Capozzi, Cellesi, Vosa Lepore C. A disp: Spagnuolo, Iacovino, Volpe, Russo M. All: De Viata.

Arbitro: Di Maio di Castellammare di Stabia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!