Real Vico – Massa 3-0, le pagelle ai massesi: Aiello è l’anima, Montaperto inutile alla causa

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Pasquale Aiello: l'anima del Massa

Pasquale Aiello: l’anima del Massa

STINGA 5,5: Tre gol sul groppone sono tanti, ma la sensazione è che non poteva fare granchè su nessuna delle realizzazioni di Balzano. Palloni presi dal sacco a parte, si oppone bene per due volte sul pichici di casa ma dà poca sicurezza sulle uscite, come dimostra lo svarione nel primo tempo che Siniscalchi salva sulla linea.

IZZO 5,5: Ha di fronte il coetaneo ed ex compagno nelle giovanili del Sorrento, Labriola, ma perde ampiamente il duello. Troppo timido ed a tratti svagato, si riprende un po’ nella seconda frazione, ma è troppo tardi.

SINISCALCHI 5,5: Evita il vantaggio vicano nel primo tempo salvando sulla linea in scivolata una punizione dai quaranta metri, ma è il responsabile numero uno nel gol del 2-0: fuori posizione, si lascia superare troppo facilmente da Gozzo spalancando l’autostrada del gol a Balzano.

AMITA 5,5: Gli tocca marcare il capocannoniere del girone e lo fa anche bene. Il problema è che, con attaccanti del genere, anche una minima distrazione costa cara e lui ne commette due: la prima a fine primo tempo, quando cicca l’intervento e favorisce la girata, deviata in angolo da Stinga, del numero nove, la seconda in occasione del raddoppio, dove dimentica palesemente l’avversario che colpisce a rete indisturbato (dal 39’ s.t. ESPOSITO C. s.v.: Entra quando la partita non ha più nulla da dire).

D’ESPOSITO 6: Tiene molto bene Guadagnuolo, che infatti dal suo lato non sfonda mai ed è costretto ad incunearsi per vie centrali.

GIRACE 5,5: Parte bene, chiamando Del Giudice all’intervento dopo tredici minuti. Poi sparisce dal radar, risultando anche poco utile in fase difensiva (dal 28’ s.t. CASTELLANO R 5,5: Gioca interno destro nel centrocampo a tre, ma senza riuscire a trovare né lo spazio né il tempo per inserirsi e dare una mano avanti).

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

VINACCIA 5,5: Nel primo tempo piazza un paio di recuperi dei suoi, ma poco altro. Nella ripresa aumenta i giri e prova a far salire la squadra con qualche accelerazione. Mezzo voto in meno perché nel finale perde il lume della ragione e si becca un giallo di frustrazione per un fallo su Esposito.

Ancora tra i migliori l'under La Monica

Ancora tra i migliori l’under La Monica

LA MONICA 6,5: Prezioso in entrambe le fase, soprattutto quella di costruzione nei primi quarantacinque minuti di gioco: seppur senza strafare, il suo giro palla risulta, infatti, veloce ed efficace. Poi, quando la squadra si disunisce, impugna la clava per farla rialzare, risultando di fatto l’ultimo ad alzare bandiera bianca.

BREGLIA 6: In avvio è il più pericoloso: sul binario sinistra fa quel che vuole, asfaltando Savarese quando e meglio crede. Poi, dopo uno scontro di gioco, s’innervosisce ed il suo rendimento cala. Protagonista in negativo in occasione del rigore, ma le immagini mostrano che il suo braccio è attaccato al corpo (dal 15’ s.t. CACACE 5,5: Ha poche occasioni per incidere, anche perché attorno a lui c’è il deserto. Ma è anche vero che poco fa per crearsele. Da uno come lui, fresco di panchina, ci si aspetti cambi la partita, ma invece si adegua al ritmo blando della squadra.

AIELLO 6,5: L’anima del Massa: corre e lotta a tutto campo come un ventenne, mandando al manicomio Albanese. Nella ripresa è l’unico a provarci, ma senza fortuna.

MONTAPERTO 5: Se non segna, è un uomo regalato agli avversari: a parte il colpo di testa su azione d’angolo deviato da Circiello sul palo e qualche sponda, è praticamente inutile alla causa perché troppo statico.

ALL.GARGIULO 5,5: Se c’era una squadra che al riposo meritava di andare in vantaggio, questa era sicuramente il Massa. Preoccupa, invece, la squadra vista nel secondo tempo, incapace di reagire dopo il gol dell’1-0. Insomma, la solita squadra double face. Che, continuando così, è condannata ai play – out.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!