Speciale derby, i ds| Qui Massa, Attardi: “Confido negli uomini di esperienza. Il pari può star bene ad entrambe”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il direttore sportivo del Massa Lubrense, Natale Attardi

Il direttore sportivo del Massa Lubrense, Natale Attardi

Contro il Sant’Antonio Abate ho visto il Massa imboccare il sentiero giusto che porta alla salvezza diretta”. Profetico e speranzoso, il direttore sportivo del Massa Lubrense, Natale Attardi, si coccola i suoi ragazzi dopo la convincente vittoria contro i giallorossi: “Abbiamo colto tre punti pesanti, perché sottratti ad una diretta concorrente. La squadra è stata encomiabile, ha messo in campo tutta la voglia e la determinazione che occorrono per raggiungere l’obiettivo prefissato ad inizio stagione”. Obiettivo che, appena una settimana prima, appariva quasi compromesso: la sconfitta in casa del fanalino di coda Eclanese, infatti, era suonata quasi come una marcia funebre per le velleità di salvezza diretta dei massesi: “L’esito della gara di Mirabella Eclano brucia ancora parecchio – ammette il ds nerazzurro. – Sono stati dei punti gettati al vento, che hanno dato una brutta botta ad un ambiente che sembrava si stesse riprendendo”. Altalena di emozioni cui il Massa, quest’anno, sembra aver fatto l’abbonamento. I ragazzi di mister Gargiulo, infatti, continuano ad avere una doppia faccia: produttivi ed implacabili tra le mura amiche del “Cerulli” quanto timidi ed incapaci di portare punti a casa da viaggianti: “Una situazione che finora non ci ha permesso di fare il salto di qualità – commenta laconico Attardi, – ma è anche vero che siamo stati tormentati dalla sfortuna: tra infortuni e squalifiche poche volte in stagione il nostro allenatore ha potuto schierare la stessa formazione per due giornate di fila”.

Al netto degli assenti, però, la prossima sfida che attende il Massa è uno di quegli appuntamenti che può diventare l’ago della bilancia della stagione: il derby contro il Real Vico, infatti, rappresenta un banco di prova importante: “Il derby è sempre una gara speciale. Quello con il Vico, poi, è un appuntamento che si sta ripresentando con continuità negli anni e che, come accade quest’anno, ha sempre visto i nostri avversari lottare per le posizioni di vertice e noi per mantenere la categoria. Al di là di questo, sono sicuro sarà una bella gara, che spero abbia un esito diverso da quello dell’andata: al “Cerulli”, infatti, la nostra fu una vera debacle. Ma sono fiducioso che, con concentrazione ed umiltà, riusciremo a fare una degna figura. Confido molto nei nostri uomini d’esperienza, devono essere loro a trascinare e dare il buon esempio ai più giovani. Il risultato? Ovviamente spero nel colpaccio, ma credo che alla fine il pari possa star bene ad entrambe”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!