Il Positano continua la rincorsa alla vetta: una punizione di Porzio basta per stendere il Pimonte

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Ciro Porzio, autore del gol che ha permesso al San Vito Positano di battere il Pimonte (foto Antonella Scippa)

Ciro Porzio, autore del gol che ha permesso al San Vito Positano di battere il Pimonte (foto Antonella Scippa)

Anche il Pimonte si arrende alla marcia inarrestabile del San Vito Positano. Al “De Sica”, infatti, gli uomini di Antonio Guarracino colgono la quinta vittoria consecutiva ed il contemporaneo diciassettesimo risultato utile consecutivo, mantenendosi in scia alla capolista Castel San Giorgio, che conserva i tre punti di vantaggio sui costieri battendo tra le mura amiche l’Oratorio Don Guarella.

LA GARA – I padroni di casa provano sin dal fischio d’inizio a fare la partita, ma il Pimonte si difende con ordine e concede ai positanesi occasioni solamente da calcio piazzato. In due occasioni Porzio scalda il piede su punizione, ma Coppola controlla senza patemi d’animo. Al 27’ è ancora il numero dieci protagonista: l’ex Sorrento pennella da fermo per Cifani che deposita in rete, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Poco dopo la mezz’ora a provarci è capitan Gargiulo, ma ancora una volta l’estremo difensore ospite limita i danni. Il forcing asfissiante del Positano si concretizza sul finire di frazione: Cifani guadagna una punizione dal limite dell’area. E’ la mattonella di Porzio, che disegna una parabola imprendibile per Coppola e porta in vantaggio i suoi.

Nella ripresa la strada si mette ancora di più in discesa per gli uomini di Guarracino: all’8’, infatti, il Pimonte resta in dieci per un brutto fallo di Amodio su Gargiulo. In superiorità numerica, i padroni di casa controllano agevolmente la gara, sfiorando in più di un occasione il raddoppio. Nel finale il nervosismo assale gli ospiti, che restano in nove per l’espulsione di Del Sorbo e perdono anche il proprio allenatore, Ernesto Apuzzo, allontanato per proteste.

SAN VITO POSITANO – PIMONTE 1-0

Marcatore: 44’ p.t. Porzio

SAN VITO POSITANO: Munao, Volpe, Scippa, D’Alesio S. D’Alesio M. Esposito, Gargiulo, Cappiello A. Cifani (dal 36’ s.t. Mosca), Porzio (dal 31’ s.t. Palladino), Iannucci (dal 46’ s.t. De Filippo). A disp: Imperato, Cappiello L. Raffone, Riso. All: Guarracino.

PIMONTE: Coppola, Del Sorbo, Milano, Esposito A. Piscopo, Apuzzo G. Russo (dal 1’ s.t. Somma), Di Palma, Esposito S. (dal 1’ s.t. Martone), Galasso (dal 17’ s.t. Solimene), Amodio. A disp: Tufano, Farina, D’Aniello, Marciano. All: Apuzzo E.

Arbitro: Scudieri di Caserta (Robello/Zarmoletti)

Note: D’Alesio S. (PO), Gargiulo (PO), Iannucci (PO), Milano (PI), Russo (PI), Di Palma (PI); espulsi: all’8’ s.t. Amodio (PI), al 42’ s.t. Del Sorbo (PI), al 43’ l’allenatore del Pimonte, Ernesto Apuzzo,; calci d’angolo: 4-0; recuperi: 2’ primo tempo, 6’ secondo tempo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!