Il Massa cade nella fatale Eclano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Fallisce il tiro dal dischetto Breglia

Fallisce il tiro dal dischetto Breglia

L’Eclanese aveva una sola mano da giocare. Piazza l’all-in, batte il Massa e lo inguaia nelle posizioni di bassa classifica.
La squadra di Gargiulo fallisce, come spesso accade, l’approccio. Nel crocevia della stagione dopo soli 90 secondi tocco in area di mano e penalty. Ruggiero colpisce e sblocca.
La reazione? Non c’è. L’Eclanese gioca al gatto col topo. Porta in Massa nella propria metà campo e cerca la profondità. Ruggiero ancora lui fa correre un brivido a Fiorentino, ma pecca di mira.
Il giochino continua anche nella seconda frazione, nei nero azzurri c’è confusione, Amita è basso in difesa, La Monica sull’out e manca velocità al centro.
Quando serve la personalità ci prova Montaperto.
L’attaccante costiero si procura un penalty per fallo di De Falco. Fucci indica il dischetto e sventola rosso a Di Falco. A sorpresa calcia Breglia. Curcio battezza bene la conclusione ed intercetta il tiro.
Se la settimana per Gargiulo aveva dato segnali confortanti, il campo boccia ancora una volta i costieri all’uscita dal Comunale di Eclano. Un campo stregato che la compagine massese non ha mai violato da quando è in Eccellenza.

Eclanese – Massa Lubrense 1-0

Eclanese: Curcio, Flammia, Memmolo, Bellofatto, Villacaro, Di Falco, Vecchione, Crocetta (17’st Penta), Uva (25’st Sciarappa), Ruggiero (43’st Squitieri), Buonfiglio. All. Iannuzzi.
Massa Lubrense: Fiorentino, La Monica, Izzo, Cuomo (31’st Schettino), Siniscalchi (1’st Castellano ), Amita, Girace, Vinaccia, Montaperto, Aiello, Breglia (27’st Iovino). All. Gargiulo.
Arbitro: Fucci di Salerno.
Rete: 3’pt rig. Ruggiero.
Note: Espulso Di Falco al 25’st per fallo da ultimo uomo. Ammoniti La Monica, Cuomo e Sciarappa. Curcio para un rigore a Breglia al 25’st.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!