Teta acciuffa il Sant’Agnello nel recupero

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Non basta il 2-0 siglato da Russo al Sant'Agnello

Non basta il 2-0 siglato da Russo al Sant’Agnello

Due bocconi amari da digerire per il Sant’Agnello, campionato che resta in pericolo, perché sul match point la truppa di Turi scopre di avere il braccino del tennista.
La paura di vincere lascia spazio alle magie di “trilly” Teta. Un rigore e il tiro della disperazione che rialzano la Scafatese ad un passo dal baratro e indirizzano verso gli inferi i costieri.
Sant’Agnello che imbriglia gli uomini di Incitti e riesce con Giuseppe Sibilli e Russo a rendere mortifero il primo tempo per i canarini.
Padroni di casa che non chiamano all’intervento Napolitano, ma si sentono sulle palle inattiva con poca precisione.
Fatto il grosso ai bianco azzurri manca la voglia di essere protagonisti. Nel momento di maggiore difficoltà dei padroni di casa, i costieri peccano di personalità, manca quel killer instict che avrebbe permesso di bramare un successo e garantirsi un proseguo di campionato un pizzico più tranquillo.
Quando alla fine manca solo un amen, ecco materializzarsi il finale shock.
Napolitano atterra Spera: è rigore. Teta non si fa pregare è dimezza.
La Scafatese si rianima e pressa. Se il football americano ha il lancio de “l’Ave Maria”, Teta trova il tiro della disperazione, la deviazione in mischia ed il pari insperato che rende ancora più avvincente il finale di stagione per tutti.

SCAFATESE 1922 – SANT’AGNELLO: 2 – 2

MARCATORI: 23’ G. Sibilli(SA), 45’ Russo(SA), 44’rig. e 48’st Teta(S)

SCAFATESE 1922(4-3-1-2): Fantasia; Vicinanza, Paragallo, Chiariello, Gallo; Pepe, Teta, Spera; Ferrentino(18’st Rufo); Guadagno, Balzamo(11’st Di Ruocco). A disposizione: Longobardi, Amore, Maio, De Bellis, Spasiano. All. Luigi Incitti
SANT’AGNELLO(4-3-3): Napolitano; Schiavone, Micallo, D’Agostino, Piacente; De Rosa, Serrapica, Iennaco; G. Sibilli(35’st Sibilli S.), Russo(38’st Pignalosa), Manco. A disposizione: Uliano, Perinelli, Fiorentino, De Maio, Di Leva. All. Mario Turi
ARBITRO: Iacovacci di Latina   Assistenti: Picariello di Avellino e Borrelli di Ercolano
AMMONITI: Rufo, Gallo(S), De Rosa, Napolitano(SA)
ESPULSI: Rufo(S)
NOTE: Recuperi: 1’pt, 2’st. Corner: 4 – 8. Al 44’ allontanato dalla panchina il massaggiatore Vincenzo Esposito(S). Al 91’ espulso Rufo(S) per doppia ammonizione.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!