Sorrento, Cuomo: le mie ragioni

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sindaco CuomoDopo la decisione clamorosa del titolare del 97% di quote, Francesco D’Angelo di portare il Sorrento lontano da casa arriva la risposta del sindaco.
Il primo cittadino affida le sue ragioni ad un comunicato stampa:
“Prendiamo atto della decisione dell’AS Sorrento. Non abbiamo nulla da rimproverarci. Tutti gli impegni presi dalla società sportiva sono stati disattesi, a partire dall’obbligo di volturare le utenze quando erano concessionari della struttura, fino al canone che avrebbero dovuto versare, come stabilito dalla delibera di giunta.
Così il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, alla notizia della decisione dei vertici del Sorrento Calcio di lasciare il Campo Italia per allenarsi di disputare le partite in altre strutture sportive.
“Il Comune di Sorrento, l’assessore Mario Gargiulo ed io personalmente, ci siamo prodigati in tutti questi anni per essere vicini alla società in tutti i modi – ha sottolineato il sindaco Cuomo – Senza dimenticare le soddisfazioni ottenute dal punto di vista calcistico, oggi dobbiamo prendere atto che una cattiva amministrazione ha portato a questa situazione. L’atteggiamento dell’attuale dirigenza, rappresentata dall’avvocato D’Angelo hanno scritto negli ultimi anni solo pagine non edificanti, che ci costringono a tutelare le ragioni del Comune”.
“Purtroppo il quadro rimane grave: non si poteva andare oltre – interviene l’assessore Gargiulo – Ma sono sicuro che il calcio continuerà a Sorrento così come è stato nel passato e la struttura sarà ancora di più a disposizione dei sorrentini, in primo luogo dei ragazzi della scuola calcio e di quant’altri vorranno usufruirne”.

Fonte: Comunicato stampa

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!