A Bellona premiato il Progetto Ciclismo Sorrentino

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

asdprogettociclismo sorrentinoChilometri su chilometri, lunghe trasferta, sveglie all’alba, ma nulla può lenire i tanti sacrifici come podi, vittorie e premiazioni.
Il ciclismo è sport di sacrificio e sudore. In tanti le gesta di Pantani le hanno solo viste su “Sfide” o youtube, ma rincorrere il sogno di un Tour de France come Nibali spinge i giovani alfieri dell’Asd Progetto Ciclismo sorrentino ad andare oltre.
Sacrifici di tutti che sono stati premiati lo scorso novembre nella serata del “37esimo Premio A. Leggiero 9° Memorial Arcangelo Del Piccolo”.
A Bellona alla presenza di una ingente folla e del Presidente Nazionale F.C.I. Renato Di Rocco, l’Asd Progetto Ciclismo Sorrentino stacca un invidiabile secondo posto.
Cinque prove in linea su circuiti stabiliti dalla Federazione hanno visto i giovani atleti rendere pan per focaccia ai ciclisti di altre squadre. Non arrivano a podio, ma si piazzano nella top ten due ciclisti della terra delle sirene. Acampora per somma di piazzamenti termina in quinta piazza, mentre Palomba lo segue ad una incollatura.
Un sodalizio, quello costiero, attivo ormai da anni sul territorio. Non solo attività giovanile, ma anche scuola di ciclismo.
La società è gestita dal giovane e rampante presidente Fabio Galano. Un vulcano di iniziative che impugna il volante del pulmino sociale e trasporta tutti i suoi ragazzi ovunque ci sia una corsa.
A far crescere le nuove leve c’è Giovanni Picardi. Il vicepresidente vanta un’esperienza trentennale nel mondo della scuola giovanile del ciclismo che affianca Galano nel far crescere le nuove leve di campioncini in erba.
Non ci sono solo dei sedicenni nell’Asd Progetto Ciclismo Sorrentino, ma anche una fervente scuola giovanile. Tutto il club si fonda sul lavoro quotidiano che ha fatto crescere anno dopo anno i classe ’97 che scendono in gara con la casacca bianco arancio.
Ragazzi che sotto le indicazioni di Picardi iniziano l’attività alla imberbe età di sette anni. Come una lunga corsa a tappe si inizia dalla categoria Giovanissimi sino a giungere a quella degli Allievi.

Una nuova volata è lanciata in casa Asd Progetto Ciclismo Sorrentino. Una volta che ha un disegno chiaro abituare i giovani alle difficoltà della vita attraverso uno sport di sacrificio come il ciclismo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!