Orgoglio Piano, col Barca Ercolanese un pari che dà fiducia e morale

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Al “Comunale” di Sant’Agnello, il GSS Piano Pizzeria Lucia conquista il secondo risultato utile consecutivo in campionato, contro il Barca Ercolanese, squadra attrezzata ed esperta.

La partita inizia subito a ritmi alti, al 13′ e 34′ è Calabrese a mettere paura agli ospiti direttamente da calcio piazzato, ma l’estremo difensore avversario mette in mostra subito la sua bravura mettendo in angolo. Pericolosissimi i contropiede degli ospiti che al 22′, 28′ e 37′ vanno vicino al vantaggio, ma la difesa targata Russo, d’Esposito, Pane, Miccio è sempre attenta e precisa. Al 40′ si sbocca la gara, su lancio lungo, Sciaraffa controlla e fugge all’avversario diretto che, nel tentativo di fermarne la corsa, lo aggancia da dietro all’interno dei sedici metri. Per l’arbitro non ci sono dubbi: è rigore. Dagli undici metri, per l’occasione si presenta lo stesso Sciaraffa che con un destro secco porta i carottesi sull’1-0. Dopo 2′ di recupero finisce il primo tempo.

nella ripresa il Piano sostituisce Calabrese per infortunio e al suo posto entro D’Errico. L’inizio del secondo tempo è targato Barca Ercolanese, che attacca incessantemente, il Piano si limita al contropiede ma non mette in difficoltà la retroguardia avversaria. Al 28′ gli ospiti pareggiano su un grave errore difensivo: è 1-1. Al 35′ ancora un cambio per i canarini, fuori Sciaraffa dentro Persico. Il Barca continua ad attaccare, ma il Piano si sveglia e con Iannone mette i brividi agli ospiti. Nel finale altri cambio per i padroni di casa che sostituiscono Miccio e mettono in cabina di regia Fausto. Dopo 4′ di recupero, il finale è di 1-1.

A fine gara, ecco le dichiarazioni del dirigente carottese, Benito Starace: “Io e mister Iannone siamo molto contenti per la reazione mostrata dalla squadra. Venivamo da un brutto ko in coppa, ci volevamo riscattare e credo che l’abbiamo fatto. Ci tengo a precisare che la nostra squadra ha lottato, lotta e lotterà sempre per i tre punti, contro tutte le compagini, siamo una società in crescita e il nostro progetto richiede tempo e soprattutto pazienza da parte dei ragazzi che decidono di sposarlo. Adesso abbiamo la sosta, dove faremo un richiamo della preparazione nella prima settimana e nella seconda prepareremo al meglio la trasferta contro il Millenium Bellavista, squadra molto ostica e competitiva. Con il lavoro sul campo, il sudore in allenamento possiamo arrivare molto in alto. Dobbiamo sempre dare il massimo nel rispetto dei nostri tifosi, della società, degli sponsor e di tutti quelli che fanno parte del progetto Piano. Questo pareggio importante, maturato contro la seconda in graduatoria lo dedichiamo a mister Iannone che con immensi sacrifici e amore da trent’anni porta avanti questa squadra e merita molti successi. Forza, forza GSS Piano Pizzeria Lucia!”

Fonte: Comunicato stampa

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!