60 secondi fatali per lo Swimmig Sorrento

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

pallanuoto (2)Cede solo nel finale lo Swimming Sorrento in trasferta contro il Pagani.
I sorrentini cadono ad un minuto dalla fine ,dopo un rigore negato a Borrelli e successivo contrattacco dei salernitani chiuso con la rete di Parlato (quattro gol per lui), che mette la pietra tombale definitiva al match.
Pessimo l’arbitraggio sul quale i due tecnici (entrambi ammoniti) hanno avuto molto da protestare per le scelte dei due fischietti.
La partita è molto sentita da entrambi i lati. Il  primo tempo si chiude 2-1 per i padroni di casa. Troppe le espulsioni fischiate dal direttore di gara, troppe le occasioni non sfruttate dalle ranocchiette.
Nel secondo quarto massimo vantaggio dei salernitani che chiudono sul 6-3 con Gargiulo Giovanni che sale in cattedra parando anche un rigore a Napoletano.
Cambio campo, Izzo toglie Cosic che raggiunge subito due falli e carica i suoi. Reazione immediata con le realizzazioni di Gargiulo Carlo,Borrelli e Apreda, ma il Pagani non ci sta e allunga con Napoletano e Orlando.
Ultimo quarto, Apreda raggiunge i tre falli, Borrelli accorcia, Napoletano allunga, ma Gargiulo Giancarlo riduce ancora portando sul meno 1.
A poco meno di 60 secondi dalla fine il fallo non sanzionato su Borrelli, la successiva controfuga e la rete  di Parlato. Ora l’Ulysse Swimming osserverà un turno di riposo in vista del delicato match contro la Rari Nantes Arechi Salerno.
“E’ stata una bella partita, quella disputata dai miei ragazzi”, spiega Izzo, “Nel discorso pre-partita avevo chiesto di portare a casa i  tre punti. Sapevo di potermela giocare alla pari contro di loro nonostante l’andata avessimo perso 11-6”.
Alcune cose da aggiustare restano in casa Swimmig.
“Dobbiamo ancora migliorare sotto porta”, evidenzia il tecnico, “Alcune occasioni le dobbiamo concretizzare,cosa che non  abbiamo fatto oggi. Forse , ci sono venuti a mancare alcuni giocatori più rappresentativi in determinate fasi del match”.
C’è anche quello che va.
“Ottima la prova del mio portiere che ci ha retto a galla nonostante la pessima direzione arbitrale”, chiarisce il trainer delle ranocchiette, “Fortunatamente, siamo due società che  hanno un bel rapporto. Sia i  ragazzi in acqua, sia i genitori sugli spalti si conoscono bene, tanto è vero che dividiamo il campo con loro. In altre occasioni la partita, sarebbe finita nel peggior dei modi con una direzione arbitrale del genere”.

Pagani – ULYSSE SWIMMING SORRENTO 10 – 8

Ulisse Swimming: Tizzano,Vanacore; Apreda 2 ,Villani ; Gargiulo C.1, Di Maio ; Gargiulo Gia 2; Pane ; Cosic ; Borrelli 3; Di Vuolo; Fiorentino; Amura; Gargiulo Gio. All. Izzo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!