Massa ancora penalizzato: porte chiuse anche contro la Nocerina

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Domani pomeriggio l'unica tribuna del "Marcellino Cerulli" resterà chiusa per decisione del prefetto di Napoli

Domani pomeriggio l’unica tribuna del “Marcellino Cerulli” resterà chiusa per decisione del prefetto di Napoli

Ancora una volta porte chiuse al “Marcellino Cerulli”. Dopo il divieto al pubblico della gara contro il Gragnano, anche il match in programma domani pomeriggio contro la Nocerina sarà disputato senza le tifoserie sugli spalti, né quella nerazzurra, tantomeno quella rossonera.

La decisione, comunicata nel tardo pomeriggio alle due società, è stata presa dalla prefettura di Napoli. Alla base del divieto ci sono motivi di ordine pubblico, da ricercare nell’inadeguatezza dell’impianto di via Arenaccia ad ospitare grandi masse di tifoserie ospiti, come si prevedeva nel caso dei supporters molossi. Oltre, infatti, a prevedere un’unica strada di accesso alla struttura, il “Marcellino Cerulli” possiede solamente una tribuna destinata ai tifosi di casa e non anche uno spazio per i sostenitori ospiti. Da qui, la decisione, che penalizza ancora una volta le casse della società del presidente De Gregorio, di vietare l’accesso al pubblico.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!