Sorrento: I numeri non mentono

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

sosa_batt_penna3 punti in 8 gare, 7 sconfitte ed un solo successo a domicilio è questo il bottino del Sorrento formato trasferta.
Di viaggiare ad una media punti superiore i costieri non riescono proprio a fare. Se Sosa non è capace di spiegarsi l’involuzione della squadra tra casa e trasferta in soccorso arrivano i numeri.
Numeri che espongono in modo impietoso che da qualunque lato si tiri, la coperta resta corta.
Complessivamente lontano dall’Italia i rossoneri hanno messo a segno solo 7 reti. Misero il bottino della truppa de “El Pampa”.
Ad aggravare un motore che si inceppa, non appena non sente i gommini dell’Italia, sono le quattro reti condensate nel sacco contro il Due Torri.
Sfangata a Piraino il bottino di una squadra a trazione interna è solo di tre reti. Una contro l’Agropoli e due nella sconfitta contro il Torrecuso.
A far strabuzzare gli occhi sono anche i 17 gol subiti, seconda peggior difesa del girone.
Dati alla mano occorre un’inversione di tendenza già a partire dal match contro il Rende tra due gare, mentre si resta alla finestra per vedersi riconosciuti i tre punti a tavolino per la partita non disputata contro l’Orlandina.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!