La serie D in campo contro la violenza sulle donne

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
(No alla violenza sulle donne)

(No alla violenza sulle donne)

La Serie D scende in campo contro la violenza sulle donne. Sabato 20 e domenica 21 dicembre, in occasione del turno di campionato, i calciatori indosseranno sulle maglie un fiocco rosso, simbolo della campagna, mentre i capitani delle squadre vestiranno una fascia realizzata appositamente per l’evento.

Un’iniziativa che sarà esaltata dalla diretta televisiva della gara Biancoscudati Padova-La Fenadora, in programma sabato alle 14.30 su RaiSport 1.

Il coinvolgimento della Serie D è la prima tappa di un percorso di sensibilizzazione del mondo sportivo maschile, nei riguardi del fenomeno della violenza sulle donne, avviato dal Dipartimento Calcio Femminile della Lega Nazionale Dilettanti in collaborazione con D.i.Re. – donne in rete contro la violenza, l’associazione nazionale che rappresenta settanta centri che, da più di vent’anni, offrono sostegno e aiuto alle donne vittime di maltrattamenti che chiedono loro aiuto.

“La violenza contro le donne è emersa grazie al lavoro dei centri antiviolenza che negli anni hanno realizzato interventi, progetti e politiche che hanno portato ad una maggiore coscienza del problema nella società italiana dando inizio al cambiamento – afferma Titti Carrano, presidente di D.i.Re – oggi c’è una nuova sensibilità nei confronti del problema ed è importante che il mondo dello sport, in questo caso la Serie D del calcio maschile, si faccia promotore di azioni di sensibilizzazione così come ha fatto il calcio femminile in occasione del 25 novembre. Ringraziamo la Lega Nazionale Dilettanti ed i suoi Dipartimenti per l’attenzione ad un problema che può essere risolto se affrontato socialmente”.

Siamo orgogliosi di dare seguito alla campagna con il sostegno delle squadre della categoria più importante della Lega Nazionale Dilettanti – dichiara Felice Belloli, presidente LND – il nostro mondo è ricco di valori positivi e capace di straordinari gesti di solidarietà. L’adesione alla campagna contro la violenza sulle donne costituisce un momento di altissima sensibilità sociale per i nostri club, gli atleti e per i milioni di appassionati del nostro calcio”. “La Serie D è l’autentico Campionato d’Italia – conclude il coordinatore del Dipartimento Interregionale, Luigi Barbiero – i nostri club rappresentano piccoli centri ma anche grandi piazze, dislocate in modo uniforme su tutto il territorio. Una distribuzione ideale per avere la più ampia diffusione di questo importante messaggio. Calciatori, tecnici, dirigenti e tifosi tutti uniti da un solo coro: un calcio alla violenza sulle donne”.

Fonte: LND

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!