Gargiulo:”Massa guai ad esaltarti”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Fa il pompiere mister Gargiulo (foto Astjo)

Fa il pompiere mister Gargiulo (foto Astjo)

Quando risponde Luigi Gargiulo è appena uscito dalla chiesa di Santa Lucia. La patrona del borgo che porta l’omonimo nome è stata meta della classica visita che i peninsulari fanno ogni 13 dicembre.
“Stavo pregando per domani” se la ride il tecnico del Massa Lubrense.
Dopo il successo sul Gragnano la società è carica a mille.
“Non bisogna esaltarsi troppo. Non abbiamo fatto nulla”, spiega il trainer nero azzurro, “L’ambiente è deleterio al massimo. Troppo entusiasmo, spero solo che non si vesta da pompiere la Scafatese”.
Una Scafatese che ritorna al Cerulli dopo il match con il Sant’Agnello rinforzata da Lupacchio.
“Non bastava averlo incontrato con il Gragnano” sospira Gargiulo, “Ad oggi credo che il prossimo avversario nostro concorrerà con il Sant’Agnello sino alla fine”.
Il Massa arriva bene al match. 3 risultati utili consecutivi sono un biglietto da visita niente male.
“E’ vero. Non abbiamo nulla da perdere, ma solo il compito di ripetere la partita perfetta”.
Una gara della quale potrà essere anche D’Esposito.
“E’ tornato, mentre son andati via Mugolieri, Calvanico e Restucci”.
In tra hanno fatto spazio a tre elementi.
“Abbiamo ampliato la rosa con i due Esposito, Montaperto e D’Esposito. Cresce anche il livello in allenamento e i giovani migliorano di più”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!