Tracollo Piano, la manita dello Stabia Friends riporta i canarini sulla Terra

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
(foto Diego Ambruoso)

(foto Diego Ambruoso)

Il GSS Piano Pizzeria Lucia crolla al “San Michele” di Pimonte: il 5-0 finale maturato nel match contro lo Stabia Friends non lascia alibi ai carottesi, mai entrati in partita. I canarini inciampano così nel secondo ostacolo fuori dalle mura amiche: uno stop fragoroso che ha palesato tutte le lacune di una squadra che, molto probabilmente, si è fin troppo adagiata sugli allori dei discreti risultati raccolti nella prima parte di stagione.

 La partita inizia su ritmi bassi, fin quando un tiro angolato beffa Alfano. Il copione si ripete più tardi, quando, sugli sviluppi di un errore a centrocampo, viene servito il raddoppio per lo Stabia Friends. Nel secondo tempo si attende la reazione del Piano, che, purtroppo, non arriva. Anzi, gli uomini guidati da Iannone e Starace subiscono altri tre goal continuando a giocare malissimo.

A fine gara, è tanto duro quanto amaro il commento del dirigente Benito Starace: “Sono molto deluso, soprattutto dall’atteggiamento della squadra. A questo gruppo mancano alcune delle componenti fondamentali per fare bene nel calcio, ovvero l’umiltà, la voglia di fare ed il rispetto reciproco”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!