Il Massa si becca la manita dal San Tommaso

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Cinque reti per il Massa del presidente De Gregorio

Cinque reti per il Massa del presidente De Gregorio

Una manita che fa male. Una manita che sa di schiaffo alle velleità dei costieri di cercare la continuità. Il Massa si riferma. Dopo la vittoria interna contro il Faiano all’ultimo minuto contro il San Tommaso la bandiera bianca si alza già a fine primo tempo.
Tre reti sul groppone, una chance per pareggiare gettata alle ortiche da Calvanico sono il peggior fardello da portare, è più leggero il mondo per Atlante e non la gara per i nero azzurri.
Il San Tommaso suda solo otto minuti. Giannattasio scappa via sulla sinistra ed effettua un traversone preciso per la testa di D’Acierno che schiaccia in rete con rabbia (1-0).
La risposta c’è, ma Calvanico trova solo la rete esterna della porta di Lamberti.
L’uno due che manderebbe ko anche il miglior incassatore porta la firma di Giannattasio e Tucci.
Al 33’ lancio da dietro per D’Acierno che fa da torre per l’accorrente Giannattasio, l’ala montorese aggancia e fulmina Fiorentino per il raddoppio. Passano solo cinque minuti e gli avellinesi calano il tris con Tucci con una bordata dai venti metri che non lascia scampo all’estremo difensore ospite.
In 25 minuti si materializza il 5-0. Prima Ripoli si avventa su un traversone basso di D’Acierno e da pochi passi non sbaglia,  poi Tirri scarica una sassata dai trenta metri che termina la sua corsa nel sette.

San Tommaso : Lamberti,Tornatore, Di Gianni (82′ De Nardo), Liguori, Trifone, Tirri, Tucci, Avallone, D’Acierno (73′ De Feo), Giannattasio, Ripoli (70′ Ambrosino). A disp.: Boglione, Romano, Dello Russo, Ruggiero. All.: Silvestro .
Massa Lubrense: Fiorentino, Calvanico, Izzo, Schettino, Vollono, Amita, Mugolieri (62′ Sposito), La Monica (46 Castellano R.), Aiello, Volpe (78′ Cuomo), Castellano A. A disp.: Stinga, Apreda, Cacace, Siniscalchi. All.: Gargiulo
Arbitro: D’Errico della sezione di Nocera Inferiore
Marcatori: 8′ D’Acierno, 33′ Giannattasio, 38′ Tucci, 60′ Ripoli, 70′ Tirri.
Note: Ammoniti: Tucci (SM). Circa 200 spettatori.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!