Questione Stadio, Cuomo: “L’Italia resta dov’è. Il progetto è ampio”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Passaggio sullo stadio Italia per il sindaco, Giuseppe Cuomo (foto Astjo)

Passaggio sullo stadio Italia per il sindaco, Giuseppe Cuomo (foto Astjo)

Una conferenza stampa non solo per annunciare il Premio Partenope per l’ospitalità assegnatogli, ma anche politica e problematiche a tutto tondo per Giuseppe Cuomo.
Il primo cittadino di Sorrento non ha evitato la classica patata bollente la struttura del campo Italia.
“E’ un interesse per pochi”, spiega il sindaco, “Un progetto di restyling da 4.5milioni di euro già c’è, ma ci sono delle priorità”.
In pillole: il campo si farà solo se ci saranno i soldi.
Sorrento si trova alle prese con la querelle stadio da ormai 4 anni, quando di delega in delega si è affrontata la C su gentile concessione della Federazione di Lega Pro.
“La struttura è e sarà a via Califano, ma c’è da rivedere tutto”.
Il messaggio è chiaro, Giuseppe Cuomo non smentisce le voci di un maxi intervento da circa 15milioni che dovrebbe essere realizzato con capitale privato e che doterebbe la città di un polo tutto nuovo: sport e fiera.
“Si dovrà fare un plesso diversificato che non sia di peso per la città e le tasche dei cittadini. Polo fieristico e stadio. Sulla questione abbiamo affidato uno studio di fattibilità agli esperti che lo hanno fatto anche per la Fiera di Milano”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!