Il Massa stecca ancora: lo scontro salvezza è del Valdiano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Per il Massa Lubrense di Luigi Gargiulo è crisi nera.

Per il Massa Lubrense di Luigi Gargiulo è crisi nera.

Stecca ancora il Massa Lubrense. Dopo la vittoria casalinga contro la Palmese, infatti, i nerazzurri riassaporano (per la sesta volta in sette partite di campionato)  al “Comunale” di Teggiano l’amaro sapore della sconfitta. Tre punti persi, peraltro, in uno scontro con una diretta concorrente per la salvezza. Circostanza, questa, che fa suonare più di un campanello d’allarme nel quartier generale di via Arenaccia.

La gara è la classica di quelle tra due formazioni che sentono fortemente l’importanza della posta in palio: i padroni di casa provano timidamente a fare la partita sin dalle battute iniziali, ma il Massa si difende con ordine e Stinga, tra i pali, a parte due acuti di Costanzo e Di Giacomo, non corre nessun pericolo nei primi quarantacinque minuti di gioco.

Nella ripresa, gli ingressi di Spinelli e Morea danno più brio al Valdiano, che passa al 55’ sugli sviluppi di una punizione, con Vertullo che risolve da breve distanza. Per il Massa, peraltro senza l’unica punta di ruolo Aiello, squalificato, il vantaggio dei locali suona come una condanna: i ragazzi di mister Gargiulo, infatti, tentano una reazione, ma la sterilità offensiva è fin troppo evidente. Poco prima della mezz’ora, poi, il nuovo entrato Morea approfitta di uno svarione difensivo ed a porta vuota segna il definitivo 2-0 che certifica la nuova crisi in casa Massa Lubrense. 

VALDIANO – MASSA LUBRENSE 2-0

Marcatori: 10’ Vertullo, 28’s.t. Morea.

ValdianoFaggiano, Pipolo, La Penta, Somma, Vertullo, Giordano, Caggiano 6 (dal 42’s.t. Pasquale), Scarano, Di Giacomo, Coronato (dal 1’s.t. Spinelli), Costanzo (dal 25’s.t. Morea). All. Tudisco.

Massa LubrenseStinga, Apreda (dal 24’s.t. Calvanico), Izzo, Schettino, Vollono, Amita, Mugolieri, La Monica, Esposito (dal 30’s.t. Cuomo), Cacace (dal 10’s.t. Criscuolo), Volpe. All. Gargiulo.

Arbitro: Freda di Avellino 6.

Note: ammoniti Costanzo (V), Morea (V), La Monica (M), Apreda (M), Vollono (M), Volpe (M) e Cuomo (M).

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!