Sant’Agnello, Turi:”Dobbiamo sbloccarla presto”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Mario Turi nuovo tecnico del Sant'Agnello

Mario Turi nuovo tecnico del Sant’Agnello

L’esordio è stato un pareggio a reti bianche al Menti. Uno 0-0 che mette fuori dalla Coppa il Sant’Agnello, ma per il nuovo tecnico, Mario Turi, il bicchiere è visto a metà.
“Prestazione e risultato mi fanno guardare le cose a metà”, spiega il trainer bianco azzurro, “La squadra ha personalità e fatto bene il possesso palla, ma è stata lenta. Dobbiamo tirare di più”. Questa in pillole la sfida con la squadra del presidente Minopoli, ma a tenere il boccone ancora su è il risultato.
“Ci tenevamo a passare il turno anche per vedere tutti i ragazzi a disposizione, ma è ancora ni, perché abbiamo sofferto poco in casa di una diretta concorrente”.
Alle porte l’impegno con il Real Pontecagnano Faiano reduce dal successo contro la Mariglianese.
“Una squadra che va a nozze negli spazi”, puntualizza Turi, bisognerà avere tanta pazienza e fare di tutto per sbloccarla presto per avere l’occasione di sfruttare noi gli spazi che ci concederanno”.
Una gara da “Giobbe” la figura biblica messa a dura prova da Satana. Tanta, tanta pazienza per il Sant’Agnello del nuovo corso, ma un’arma fondamentale da sfruttare: i calci piazzati.
“Siamo una squadra che può giocare mille gare differenti e sulle palle inattive si possono trovare quei goal che una squadra cerca nei momenti di difficoltà”.
L’esclusione dalla Coppa porterà, però almeno nella prima fase del suo corso, Turi a scegliere i “soliti”.
“Un peccato, ma ci sarà spazio e modo per tutti”.
Nuovo impegno dopo soli quattro giorni dalla Coppa.
“Da un punto di vista fisico manca un po’ di brillantezza, ma è naturale,  però non siamo messi male”, analizza l’allenatore costiero, “La testa è la cosa più importante anche perché dobbiamo renderci conto che tutti vorranno fare la gara della vita contro di noi”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!