Vela Latina: Trofeo Le Pleiadi – vince la grande bellezza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
le pleiadi

il Santa Rosa di Giancarlo Antonetti (foto Aequanews)

nino bixio

l’imbarcazione Castore dell’Istituto Nautico Nino Bixio (foto Aequanews)

Spettacolare evento velico nella baia di Marina di Aequa, quello offerto dal Trofeo LE PLEIADI, regata riservata alle imbarcazioni armate a vela latina, organizzata dalla sezione di Vico Equense della Lega Navale Italiana, valida quale ultima tappa del campionato di specialità. Per un pomeriggio, quello di domenica 12 ottobre 2014,  si è ritornati indietro nel tempo, quando imbarcazioni di questo tipo collegavano la costiera sorrentina a Napoli e alle altre vicine località costiere. Nel contempo evento di squisita valenza sportiva, che ha messo in risalto la nostra millenaria tradizione marinaresca, che in questa particolare specialità velica trova in costiera equipaggi tra i migliori in assoluto. Il vento che sembrava non voler arrivare, finalmente intorno alle 15,30, incomincia a soffiare con una leggera brezza da ponente, con intensità di circa 4-5 nodi, tanto da permettere alla barca giuria (essa stessa uno splendido monotipo d’epoca interamente in legno, dell’armatore Rodolfo Izzo) di iniziare le procedure di partenza. Se poco prima gli equipaggi si intrattenevano in attesa di Eolo, ora è l’agonismo puro ad imporsi, per poter sfruttare al meglio, anche il minimo soffio di vento. Alla prima boa al traverso di punta Scutolo, sono in testa tre imbarcazioni, il gozzo Santa Rosa e le due lance Salvatore e Vera, ma il vero spettacolo è dato dall’intera flotta dei partecipanti, che gareggiano come incastonati in un quadro di eccezionale bellezza, sullo sfondo delle alte falesie della costa aequana. Alla fine a prevalere è proprio la prestigiosa Santa Rosa di Giancarlo Antonetti (già negli anni scorsi ai vertici nazionali della specialità) vincitrice del Trofeo, che è prima anche in classe A. Primi in classe C  i padroni di casa della lancetta Salvatore (LNI Vico Equense) di Michele Russo, mentre in classe B è proprio Vera di Guglielmo Marazziti a prevalere. Ma chi ha veramente vinto, grazie all’iniziativa della Lega Navale di Vico Equense è stata la grande bellezza, le grandi emozioni, i momenti unici che solo questo sport ed in particolare queste barche, sanno regalare. pleiadi 2

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!