Sorrento: Si presenta il presidente Squillante

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Squillante:"La mia passione per il Sorrento" (foto Penna)

Squillante:”La mia passione per il Sorrento” (foto Penna)

90 minuti di conversazione, piani, progetti a breve, media e lunga scadenza. Un concetto chiaro “Noi” e tante idee.
Questa nella massima sintesi l’incontro con stampa e tifosi di Emilio Squillante che ieri sera ha animato la notte sorrentina all’Hotel Continental.
Il nuovo presidente del Sorrento Calcio entra in società, “Nessun passaggio di quote” tende a puntualizzare il segretario generale dell’Autorità Portuale di Napoli, “potrebbe esserci in futuro per chi avrà intenzione di sposare il nostro progetto, ma saranno pesate le persone”.
Una scelta, quella di Squillante, spiegata così, “Sono legato al territorio per motivi storici e da tanti amici. La mia passione è al servizio del Sorrento”.
Un fattore che salta all’occhio a differenza del passato è quella trasparenza rimarcata più volte dal nuovo numero uno del sodalizio di via Califano, “Allo stato attuale l’esposizione debitoria è di un milione e 200mila euro”.
Quantificato a tutti il debito del Sorrento si passa avanti e a quell’incontro con i tifosi che Squillante vorrebbe avere quanto prima, “Entro 15 giorni sono a vostra disposizione dove vorrete” afferma chiaramente  il manager chiamato al capezzale di una società sull’orlo di una crisi di identità.
“Sul fronte tecnico è in corso una verifica. Qualcuno andrà via, qualcun’altro arriverà” spiega il numero uno, “Quando le cose non vanno bene non può sempre essere colpa di altri. Bisogna assumersi le proprie responsabilità”.
Un messaggio chiaro per il momento che vive la squadra che Squillante ha incontrato alla vigilia del tris rimediato a Leongrande, “Ai giocatori sono stati garantiti gli stipendi anche se fare calcio vuol dire anche passione, mentre l’ordinario è stato garantito”.
IL FUTURO – “Stiamo lavorando con una società di marketing per valorizzare il brand del Sorrento calcio”, una scelta dettata dall’importanza della Città che per Squillante sarà un viatico fondamentale “Valorizzare il nome è di vitale importanza. Sono al vaglio una serie di attività collaterali da spettacoli a tornei internazionali per rilanciare il volto di una società che ha una storia importante.
La sfida intrigante, ma sulla quale il presidente dei rossoneri conta è l'”Accademia dello Sport”. “Avere una realtà del centro sud che possa attrarre e crescere fornendo non solo calcio, ma anche scuola e servizi”.
Un calcio al calcio sarà anche quel “Codice Etico” di cui si è tante volte abusato e di cui. “Si dovranno rispettare delle regole e varrà per tutti. Un piccolo documento di 20 pagine che sarà pubblicato anche sul sito ufficiale”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!