Massa Lubrense, Gargiulo:” Ripartiamo da capitan Cacace”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

GArgiulo_torrecusoLa situazione del Massa Lubrense è tutta in evoluzione.
La compagine nero azzurra ha iniziato il lavoro al Cerulli poco dopo ferragosto.
Confermato il tecnico Luigi Gargiulo.
“Stiamo cercando di mettere su una squadra giovane e competitiva”.
Poche parole per il mister che siede sulla panchina dei costieri da tre anni.
In tanti hanno deciso di lasciare il sodalizio di via Arenaccia.
D’Esposito, De Stefano e Giulio Russo sono approdati alla corte del presidente Negri in quel di Sant’Agnello, mentre Fausto De Luca, Marco Cestaro e Francesco Cantilena per problemi di lavoro non saranno in rosa nell’annata che si aprirà a breve.
“Purtroppo tanti hanno avuto dei problemi. Altri hanno scelto una nuova squadra. Noi ripartiamo dalla volontà di capitan Cacace, dai 12 goal di Aiello e dall’esperienza di Fiorentino e Stinga, senza dimenticare Iaccarino”.
Il rammarico della società e del tecnico resta l’addio-arrivederci di RinoVinaccia, una bandiera che si ammaina.
“Ad oggi la notizia più bella è quella del risveglio di Aldo Marino. Il resto passa in secondo piano”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!