FC Sant’Agnello: preso Antonino Di Leva

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Antonino Di Leva in azione con la casacca del Gladiator

Antonino Di Leva in azione con la casacca del Gladiator

Il Footbal Club Sant’Agnello ancora attivissimo sul mercato, a conferma delle mutate ambizioni del club . Lo dimostra un nuovo importante acquisto per la compagine costiera: nativo della penisola sorrentino, l’esterno d’attacco Antonino Di Leva (classe 1991), cresciuto nelle giovanili della Sampdoria e che disputò anche un torneo nelle file della Juventus, chiamato direttamente da Ciro Ferrara, all’epoca responsabile del settore baby della ”Vecchia signora”. Già in forza al Massa Lubrense nella stagione 2012-2013, è passato nelle fila del Gladiator nella passata stagione, quest’anno ritorna in costiera agli ordini di Francesco Nardo. Senz’altro un calciatore di ottima caratura,  il classico trequartista offensivo di centrocampo, in poche parole un “fantasista”, anche se da recuperare in quanto proviene da un periodo di forzato stop a causa di un infortunio.
Intanto alle 15.30 di oggi, al Cerulli di Massa Lubrense importante test in amichevole, per i biancoazzurri contro una rappresentativa di calciatori in attesa di contratto,  già precedentemente tesserati anche in rappresentative professionistiche, probabilmente un’occasione per visionare qualche altro elemento da condurre alla corte del patron Negri.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!