Sant’Agnello, in prova Breglia e Ferraro. Domani amichevole con la Scafatese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Giuseppe Breglia

Giuseppe Breglia

Prosegue, a ritmo serrato, la preparazione atletica del Sant’Agnello in vista della nuova stagione che vedrà, per il terzo anno consecutivo, la compagine santanellese impegnato nel campionato di Eccellenza. Sotto lo sguardo vigile di mister Francesco Nardo, i nuovi acquisti ed i confermati della scorsa annata, stanno mettendo quotidianamente benzina nelle gambe ed affinando quell’intesa, tattica e di spogliatoio, che risulterà decisiva per togliersi soddisfazioni e raggiungere traguardi ambiziosi, come la disputa di un campionato da vertice.

Traguardo che la società del presidente Alberto Negri, da quest’anno accompagnato nella nuova avventura dall’ex numero uno di Juve Stabia e Sorrento, Franco Giglio, sogna, ormai, non più velatamente, e per il quale sta programmando nel minimo dettaglio ogni singola mossa. A cominciare dalle operazioni di mercato, che l’hanno vista piazzare colpi importanti che certificano la voglia di vincere che si respira dalle parti di viale “Dei Pini”.

Aria di successo che da ieri stanno respirando, per il momento in prova, altri due giocatori: Giuseppe Breglia e Paolo Ferraro. Il primo, terzino sinistro classe 1993, è un prodotto del settore giovanile del Sorrento, l’anno scorso al Trissino Valdagno, formazione vicentina militante in serie D. Dotato di grande corsa e fisicità prorompente, Breglia è un lusso per la categoria, come dimostra il suo curriculum, in cui figurano altre esperienze tra i dilettanti con Casertana e Vico Equense. Meno dotato fisicamente, ma con una tecnica sopraffina è, invece, Paolo Ferraro, anch’egli cresciuto nelle giovanili del Sorrento: classe 1992, il mediano di Praiano ha già vestito in passato i colori sociali del Sant’Agnello, oltre ad avere accumulato esperienza in serie D con Sarnese, Pomigliano e Gladiator.

Intanto, domani è in programma la prima uscita stagionale. Il Sant’Agnello, infatti, sarà ospite della Scafatese, fresca di promozione in serie D. Il test servirà a Nardo per valutare lo stato di condizione dei suoi ma anche, e soprattutto, alla società per decidere dove e come intervenire sul mercato. Nella stanza dei bottoni santanellese, infatti, le trattative proseguono con almeno altri tre colpi da novanta. Per concretizzarle, però, si attenderà il rientro dalle vacanze di Franco Giglio, previsto per lunedì 18 agosto.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!