Sant’Agnello, l’obiettivo è il “Topone”, Vincenzo Di Ruocco

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Vincenzo Di Ruocco, detto "Topone"

Vincenzo Di Ruocco, detto “Topone”

La dirigenza del Sant’Agnello è pronta a mettere la ciliegina sulla torta di questa sessione di mercato, che l’ha vista autentica regina del calciomercato di Eccellenza.

Alberto Negri, presidente della compagine di viale “Dei Pini”, affiancato la scorsa settimana dall’ex presidente di Juve Stabia e Sorrento, Franco Giglio, è pronto a mettere le mani su un pezzo pregiato del panorama dilettantistico campano. E’ in fase avanzata, infatti, la trattativa con il funambolico esterno sinistro Vincenzo Di Ruocco, soprannominato “Topone”.

Di Ruocco, classe 1987, è un pallino di Franco Giglio: nel 2010, quando era alla guida della Juve Stabia, fece di tutto per prelevarlo dai “cugini” della Libertas Stabia. Adesso, con l’ingresso nella compagine santanellese, il sogno proibito può avverarsi: nelle prossime ore, infatti, è atteso l’incontro decisivo tra le parti, che potrebbe regalare al Sant’Agnello un altro pezzo da novanta.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!