Sorrento, Durante:”Siamo in buona posizione per il ripescaggio, ma…”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il presidente Durante fa sperare i tifosi:"Ripescaggio? Perché no"

Il presidente Durante fa sperare i tifosi:”Ripescaggio? Perché no”

Si è accettato il risultato del campo in casa Sorrento. Un’amara retrocessione quella maturata all’Italia solo domenica scorsa.
Una rimonta monca che ha lasciato tantissimo amaro in bocca a tifosi e dirigenti. Tre reti in un tempo, la superiorità numerica quando c’era tutta la ripresa da giocare e quella maledetta conclusione di Innocenti viva nella mente di tutti.
“Avessimo giocato sempre così non ci sarebbe stato il prologo di fine campionato”.
Mastica ancora amaro Paolo Durante. Il numero uno del sodalizio di via Califano non vorrebbe guardare al passato, ma alla fine la lingua torna a battere dove il dente duole.
Messo da parte in un angolo della memoria quanto è stato, in casa rossonera si guarda al futuro. Un futuro che potrebbe avere la tinta chiaroscura di un ripescaggio.
Si, è proprio questa l’idea che stanno valutando i vertici del sodalizio di via Califano.
“Siamo in buona posizione nella graduatoria che ha abbozzato la Lega Pro, ma…” spiega Durante. Un “ma” che ha il chiaro riferimento a quella che resta il principale handicap del club.
“Come ha detto il presidente Macalli senza campo è inutile fare neppure il tentativo”.
Se c’era chi pensava che l’unica carie nella bocca del Sorrento fosse solo la retrocessione, ecco spuntare il vecchio tarlo, quello del dente mai staccato.
“Mercoledì ci siamo incontrati per cercare di capire in che modo si potesse ambire a rientrare nel professionismo dalla porta di servizio, ma ci siamo resi conto che tutto passa dall’Italia”.
Non lo Stato, bensì la struttura sportiva più grande della terra delle sirene.
“Purtroppo ci sarebbero dei piccoli interventi di restyling da fare” ammette il numero uno costiero, “Ho scritto al Comune e siamo in attesa di una risposta”.
Piccoli si, ma i tifosi di tutto cuore sperano che possa esserci una svolta. Una volta per tutte capire a cosa si va incontro.
“Il grosso handicap è quello dell’illuminazione” puntualizza Durante, “Le altre sono piccole cose. Insomma, senza campo non sarà tentata la carta del ripescaggio”.
Nell’ultimo incontro tenuto con i supporter costieri il primo cittadino, Giuseppe Cuomo, ribadì come di fronte ad iniziativa privata o fonte di finanziamento dello Stato, il Comune avrebbe preso in seria considerazione l’opera di restyling dell’impianto sportivo costiero.
Il tempo è tiranno non solo nella vita, ma anche per gli sportivi. La società è pronta a cercare di rimettersi in gioco per provare l’assalto al professionismo attraverso le carte bollate.
La scelta di non gravare le società di ulteriori fideiussioni potrebbe rappresentare un ulteriore spinta verso quel piccolo-nuovo sacrificio che si chiama professionismo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!