Scacchi, la scuola Tasso trionfa nel campionato studentesco

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento.  Dal 22 al 24 Maggio a Terrasini(PA), si sono svolte le finali dei campionati giovanili studenteschi di scacchi.

Il torneo è riservato alle scuole secondarie di primo grado femminile, e su ben 187 squadre, è risultato vincitore l’istituto I.C. Tasso di Sorrento, primo su 23 squadre.

La squadra vincente era composta da: Caneri Alice, Fiorentino Mariateresa, Savarese Annamaria, Spano Gemma, Fiorentino Lucrezia.

Di seguito le regole del torneo.

Il torneo è suddiviso per squadre, si affrontano 4 giocatori alla volta, uno di fronte all’altro in fila, contro altrettanti 4 giocatori avversari. Vi sono poi, più un giocatore di riserva che entrerà al termine di ogni partita, in modo tale da concedere una pausa ai titolari. In gioco ci sono 4 punti, per vincere bisogna farne 2,5.

La vittoria del singolo, da un punto a squadra. Il pareggio vale mezzo punto, la sconfitta 0.

Si devono giocare 7 incontri di fila, il totale darà poi, la classifica finale. In caso di “ex aequo” ci sono alcuni criteri di spareggio che assegnano la posizione in classifica.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!