Capri – Aequa : il volo dell’ Aquila

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
l'equipaggio di Aquila (LNI Vico Equense)

l’equipaggio di Aquila (LNI Vico Equense)

Passata agli archivi anche la quarta prova del campionato primaverile “Vele di Levante” : la Capri –  Aequa “Memorial Gennaro Savarese” , svoltasi domenica scorsa, caratterizzata da una spettacolare cavalcata dall’isola azzurra alle acque di Vico Equense,  con venti che a tratti, hanno superato i 15 nodi. Eppure, dal punto di vista strettamente tecnico non è stata una regata esattamente facile: dopo la partenza di Capri, issata di spinnaker verso la boa posta al traverso del Castello di Vico Equense (circa 12 miglia); ma superata punta Scutolo , il vento, complice  l’ alchimia creata dalle alte falesie del promontorio, trasforma l’andatura portante, in una sorprendente  “bolina” caratterizzata, a tratti,  da forti raffiche  . Il circuito finale con l’arrivo in corrispondenza del molo delle Axidie (ufficiali di regata Nardini, Cuomo, Coppola)  vede prevalere in tempo reale “Work in Progress” , Bonin 36 di Renato De Santis, che taglia il traguardo dopo 1h38m40s (ORC A). Nelle altre classi primeggiano Lupo Alberto (ORC B), Borkum Riff (ORC C), Storm (ORC D), Alben (Meteor), e My Dreams (M2), quest’ultima del metese Amedeo Zezza . – classifiche complete – 
La vela, tuttavia, non è sport essenzialmente da cronometro: è soprattutto passione, mare, bellezza: secondo questi parametri, secondo noi,  la vera regina del “memorial Gennaro Savarese” è stata “Aquila” , una spendida imbarcazione d’epoca, interamente in legno, restaurata e riportata ai passati splendori, dal sapiente lavoro di Michele Russo , vero “Maestro d’Ascia” (volutamente in maiuscolo) autentico erede della antica marineria sorrentina e socio della sezione di Vico Equense della Lega Navale Italiana. Grazie all’equipaggio composto , oltre che dallo stesso Michele, da Giuseppe Vanacore, Silvio Tommolillo e Emilio Cangiano, l’Aquila è ritornata a volare.

mydreams

First Lady  (spinnaker rosso)  e My Dreams  (sulla destra)  – foto di Mario Amato)

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



2 thoughts on “Capri – Aequa : il volo dell’ Aquila

  1. Luigi (equipaggio Bolina)

    In tempo reale ha stravinto l’imbarcazione Bolina con 5 minuti di anticipo sul secondo arrivato. Work in Progress ha vinto in tempo compensato..rivedetevi la classifica

    1. Liberato Vanacore Posta autore

      in effetti è proprio come dice Luigi: Bolina è giunta prima al traguardo, anche se è stata superata da Work in Progress e First Lady grazie al rating di queste ultime. Complimenti all’armatore ed all’equipaggio di Bolina che preghiamo scusarci per l’involontario errore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!